Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Break The Cycle - Staind (Atlantic)

Ultime recensioni

Shock Narcotic - I Have Seen The Future And It DoesnShock Narcotic
I Have Seen The Future And It Doesn't Work
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Body Hound - No MoonBody Hound
No Moon
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies
Baby Shakes - Cause A SceneBaby Shakes
Cause A Scene

Staind - Break The Cycle
Voto:
Anno: 2001
Produzione:
Genere: rock / grunge / post-grunge
Scheda autore: Staind



Non date retta a tutti quei critici che distruggeranno questo disco. Sono gli stessi che vi vogliono impedire di comprare qualsiasi release dei Pearl Jam o cercano di convincervi che i Creed fanno schifo. Sono quelli che magari ascoltavano grunge quando erano in due a farlo (tempi Mudhoney e Tad) e non gradiscono la "svolta mainstream" del genere. Ebbene gli Staind sono fatti per tutti quelli che si sentono orfani del decandentismo degli Alice In Chains e di tutta quella depressione tipica del genere. Qua c' da tagliarsi le vene come quando ascoltavamo album epocali come TEN o DIRT. Qua c' sofferenza e dolore. C' la sensazione di cadere nel nulla avendo la certezza che non ci saranno appigli a salvarci. C' il dolore di un uomo. Ma lo stesso dolore che tutti noi proviamo quotidianamente. C' paura, rabbia, sofferenza. Tutto questo filtra attraverso la splendida voce di Aaron Lewis, uno che verr ricordato come una delle pi belle voci di questo decennio. Ascoltate brani come Epiphany, Open Your Eyes o Outside. Sar difficile che non vi venga la pelle d'oca. Amerete questo disco ve lo posso assicurare. O forse lo odierete con tutte le vostre forze perch vi far soffrire. Sar difficile toglierselo di dosso.

[Dale P.]

Canzoni significative: Epiphany, Outside, It's Been Awhile.


Questa recensione stata letta 5369 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Staind - 14 Shades Of GreyStaind
14 Shades Of Grey
Staind - Chapter VStaind
Chapter V
Staind - The Singles 1996-2006Staind
The Singles 1996-2006

NEWS


18/10/2006 Greatest Hits In CD e DVD

tAXI dRIVER consiglia

Pearl Jam - No CodePearl Jam
No Code
Jerry Cantrell - Degradation TripJerry Cantrell
Degradation Trip
Lingua - The Smell Of A Life That Could Have BeenLingua
The Smell Of A Life That Could Have Been
AA.VV. - Hype! Surviving The Northwest Rock ExplosionAA.VV.
Hype! Surviving The Northwest Rock Explosion
Soundgarden - Screaming LifeSoundgarden
Screaming Life
Pearl Jam - TenPearl Jam
Ten
Soundgarden - Ultramega OkSoundgarden
Ultramega Ok
Soundgarden - TelephantasmSoundgarden
Telephantasm
Pearl Jam - VitalogyPearl Jam
Vitalogy
Alice In Chains - DirtAlice In Chains
Dirt