Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Staind - Break The Cycle (Atlantic)

Ultime recensioni

Brad - In The Moment That YouBrad
In The Moment That You're Born
Persekutor - Snow BusinessPersekutor
Snow Business
Domkraft - Sonic MoonsDomkraft
Sonic Moons
Baroness - StoneBaroness
Stone
Benefits - NailsBenefits
Nails
Sprain - The Lamb As EffigySprain
The Lamb As Effigy
Blut Aus Nord - Disharmonium - NahabBlut Aus Nord
Disharmonium - Nahab
Be Your Own Pet - MommyBe Your Own Pet
Mommy
Crawl - DamnedCrawl
Damned
The Armed - Perfect SaviorsThe Armed
Perfect Saviors
Home Front - Games of PowerHome Front
Games of Power
Mizmor - ProsaicMizmor
Prosaic
Spotlights - Alchemy For The DeadsSpotlights
Alchemy For The Deads
Mutoid Man - MutantsMutoid Man
Mutants
 AA.VV. - Superunknown Redux AA.VV.
Superunknown Redux
Somnuri - DesideriumSomnuri
Desiderium
Godflesh - PurgeGodflesh
Purge
Hasard - MalivoreHasard
Malivore
Khanate - To Be CruelKhanate
To Be Cruel
Divide And Dissolve - SystemicDivide And Dissolve
Systemic

Staind - Break The Cycle
Autore: Staind
Titolo: Break The Cycle
Anno: 2001
Produzione:
Genere: rock / grunge / post-grunge

Voto:



Non date retta a tutti quei critici che distruggeranno questo disco. Sono gli stessi che vi vogliono impedire di comprare qualsiasi release dei Pearl Jam o cercano di convincervi che i Creed fanno schifo. Sono quelli che magari ascoltavano grunge quando erano in due a farlo (tempi Mudhoney e Tad) e non gradiscono la "svolta mainstream" del genere. Ebbene gli Staind sono fatti per tutti quelli che si sentono orfani del decandentismo degli Alice In Chains e di tutta quella depressione tipica del genere. Qua c' da tagliarsi le vene come quando ascoltavamo album epocali come TEN o DIRT. Qua c' sofferenza e dolore. C' la sensazione di cadere nel nulla avendo la certezza che non ci saranno appigli a salvarci. C' il dolore di un uomo. Ma lo stesso dolore che tutti noi proviamo quotidianamente. C' paura, rabbia, sofferenza. Tutto questo filtra attraverso la splendida voce di Aaron Lewis, uno che verr ricordato come una delle pi belle voci di questo decennio. Ascoltate brani come Epiphany, Open Your Eyes o Outside. Sar difficile che non vi venga la pelle d'oca. Amerete questo disco ve lo posso assicurare. O forse lo odierete con tutte le vostre forze perch vi far soffrire. Sar difficile toglierselo di dosso.

[Dale P.]

Canzoni significative: Epiphany, Outside, It's Been Awhile.


Questa recensione stata letta 5635 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Staind - 14 Shades Of GreyStaind
14 Shades Of Grey
Staind - Chapter VStaind
Chapter V
Staind - The Singles 1996-2006Staind
The Singles 1996-2006

NEWS


18/10/2006 Greatest Hits In CD e DVD

tAXI dRIVER consiglia

Soundgarden - Down On The UpsideSoundgarden
Down On The Upside
Green River - Come On DownGreen River
Come On Down
Alice In Chains - DirtAlice In Chains
Dirt
Plush - HandsPlush
Hands
AA.VV. - Singles SoundtrackAA.VV.
Singles Soundtrack
Mudhoney - My Brother The CowMudhoney
My Brother The Cow
Pearl Jam - Live At The Garden [DVD]Pearl Jam
Live At The Garden [DVD]
Lingua - The Smell Of A Life That Could Have BeenLingua
The Smell Of A Life That Could Have Been
Soundgarden - Screaming LifeSoundgarden
Screaming Life
Sunna - One Minute ScienceSunna
One Minute Science