Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Horse Fabulous - Stands, The (Echo)

Ultime recensioni

Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Body Hound - No MoonBody Hound
No Moon
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies
Baby Shakes - Cause A SceneBaby Shakes
Cause A Scene
Coilguns - WatchwindersCoilguns
Watchwinders
King Gizzard & The Lizard Wizard - Infest The RatsKing Gizzard & The Lizard Wizard
Infest The Rats' Nest
The Austerity Program - Bible Songs 1The Austerity Program
Bible Songs 1

Stands, The - Horse Fabulous
Voto:
Anno: 2005
Produzione:
Genere: pop / brit /
Scheda autore: Stands, The



Valentino Rossi direbbe CHE SPETTACOLO...io ascoltando questo CD non posso far altro che confermare tale affermazione!

Il cd più bello dell’anno lo sfornano questi ragazzotti di Liverpool!

Beat, country, folk, psichedelia, pop, blues tutto con un approccio semplice che lo rende un vero capolavoro!

Che dire, sembra proprio di ascoltare delle b-side di RUBBER SOUL o LET IT BLEED!

Credo sia d’obbligo una rapida descrizione dell’album canzone per canzone premettendo che l’unico “difetto” è che dura troppo poco.

“Turn The World Around” brano d’apertura, ha un coro con eco ritardato davvero intrigante per un finale in crescendo di cori e fiati degna del miglior Battisti.

“Soon To Come” ha un beat travolgente e un riff da invidia anche per Keith Richards.

“Just Enough Love” è uno scanzonato blues arricchito da un sax alla Brian Jones.

”I Will Journey Home” è invece una delicata ballata country.

”Back To You” semplice acustica alla Dylan con cori e fiati stile “All You Need Is Love”.

“Mountains Blue And The World Through My Window” è una strumentale psichedelica con tanto di banjo da brivido, assolutamente meravigliosa.

“Nearer Than Green” inizia come “coffee & TV” dei Blur con la parte vocale sovraincisa (la tecnica che ha fatto la fortuna dei primi Beatles) per poi trasformarsi in qualcosa di più psichedelico e mistico e il conseguente ritorno al pop che precede un vorticoso finale…i brividi continuano!

“When The Night Falls In” ditemi se non sto ascoltando i Fab Four!

“Bluer Than Blue” altra ballata senza sbavature

“Do you like it” quanto di più vicino a “Ticket To Ride”.(si tratta anche del primo singolo e il video sembra una registrazione tratta dall’ ED SULLIVAN SHOW)

“You Said” conclusiva ballad di una bellezza disarmante capace di lasciarti un senso di vuoto, come quando ti accorgi che un qualcosa di bello è finito…meno male che ho inserito il tasto REPEAT ALL!

CHE DIRE, DA COMPRARE ASSOLUTAMENTE ANCHE X I NON AMANTI DEL GENERE!

[Steliam]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione é stata letta 3803 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Blur - Best OfBlur
Best Of
Smiths, The - The Queen Is DeadSmiths, The
The Queen Is Dead
LaLa's
La's
Blur - Think TankBlur
Think Tank
Oasis - Definitely MaybeOasis
Definitely Maybe
Stereophonics - Live From DakotaStereophonics
Live From Dakota
Stands, The - Horse FabulousStands, The
Horse Fabulous
Radiohead - Ok ComputerRadiohead
Ok Computer