Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Imber Vulgi - Stoner Kebab (Dufresne)

Ultime recensioni

Irreversible Entanglements - Who Sent You?Irreversible Entanglements
Who Sent You?
Jeff Parker - Suite For Max BrownJeff Parker
Suite For Max Brown
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome
L.A.Witch - Play With FireL.A.Witch
Play With Fire
Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Kall - BrandKall
Brand
Boris - NOBoris
NO
Phoebe Bridgers - PunisherPhoebe Bridgers
Punisher
Ils - CurseIls
Curse
Motorpsycho - The All Is OneMotorpsycho
The All Is One
Bully - SugareggBully
Sugaregg
Lina Rodrigues Refree - Lina_Raül RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_Raül Refree
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Household God - Palace IntrigueHousehold God
Palace Intrigue
A.A. Williams - Forever BlueA.A. Williams
Forever Blue
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates
Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death
Zombi - 2020Zombi
2020
Protomartyr - Ultimate Success TodayProtomartyr
Ultimate Success Today

Stoner Kebab - Imber Vulgi
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Dufresne
Anno: 2007
Produzione:
Genere: metal / doom / psych



In pochi se ne sono accorti ma il sottobosco stoner italiano è uno dei più fertili e interessati del panorama mondiale. Le band sono libere di suonare quello che vogliono dato che fondamentalmente suonano per se stesse e per quei pochi irriducibili armati di basettoni, birra da litro ed erbetta pregio.

Gli Stoner Kebab sono tra i più ambiziosi del lotto, confezionando con questo Imber Vulgi un unico brano da 33 minuti. Se il vostro pensiero è a mitico Jerusalem degli Sleep siete fuori strada. Il disco è ben più agile pur mantenendo la consueta carica monolita e profondamente sludge. Agilità garantita da riff più aperti e da una vaga idea di orecchiabilità, unita alla consueta carica psichedelica che contraddistingue i dischi del genere.

I riferimenti sono i classici Electric Wizard, Orange Goblin, Sleep, Monster Magnet, Melvins. In questo caso non è richiesta l'originalità assoluta ma i fan del genere non potranno che apprezzare un disco curato e fluido che non vi farà smettere un attimo di fare il classico headbanging lento; sintomo di una band che ci colpisce da dentro...

[Dale P.]

Canzoni significative: Imber Vulgi.


Questa recensione é stata letta 3672 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Stoner Kebab - Chapter ZeroStoner Kebab
Chapter Zero

tAXI dRIVER consiglia

Cough - Ritual AbuseCough
Ritual Abuse
Devil - Time To RepentDevil
Time To Repent
Esoteric - Paragon Of DissonanceEsoteric
Paragon Of Dissonance
Ramesses - Take The CurseRamesses
Take The Curse
Salome - TerminalSalome
Terminal
Unearthly Trance - ElectrocutionUnearthly Trance
Electrocution
Sleep - JerusalemSleep
Jerusalem
Bell Witch - & Aerial Ruin - Stygian Bough Volume IBell Witch
& Aerial Ruin - Stygian Bough Volume I
Yob - AtmaYob
Atma
Domkraft - Slow FidelityDomkraft
Slow Fidelity