Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Imber Vulgi - Stoner Kebab (Dufresne)

Ultime recensioni

Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
Boris - & Merzbow - 2R0I2P0Boris
& Merzbow - 2R0I2P0
Dale Crover - Rat-A-Tat-Tat!Dale Crover
Rat-A-Tat-Tat!
Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio

Stoner Kebab - Imber Vulgi
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Dufresne
Anno: 2007
Produzione:
Genere: metal / doom / psych



In pochi se ne sono accorti ma il sottobosco stoner italiano è uno dei più fertili e interessati del panorama mondiale. Le band sono libere di suonare quello che vogliono dato che fondamentalmente suonano per se stesse e per quei pochi irriducibili armati di basettoni, birra da litro ed erbetta pregio.

Gli Stoner Kebab sono tra i più ambiziosi del lotto, confezionando con questo Imber Vulgi un unico brano da 33 minuti. Se il vostro pensiero è a mitico Jerusalem degli Sleep siete fuori strada. Il disco è ben più agile pur mantenendo la consueta carica monolita e profondamente sludge. Agilità garantita da riff più aperti e da una vaga idea di orecchiabilità, unita alla consueta carica psichedelica che contraddistingue i dischi del genere.

I riferimenti sono i classici Electric Wizard, Orange Goblin, Sleep, Monster Magnet, Melvins. In questo caso non è richiesta l'originalità assoluta ma i fan del genere non potranno che apprezzare un disco curato e fluido che non vi farà smettere un attimo di fare il classico headbanging lento; sintomo di una band che ci colpisce da dentro...

[Dale P.]

Canzoni significative: Imber Vulgi.


Questa recensione é stata letta 3691 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Stoner Kebab - Chapter ZeroStoner Kebab
Chapter Zero

tAXI dRIVER consiglia

Cough - Ritual AbuseCough
Ritual Abuse
Esoteric - Paragon Of DissonanceEsoteric
Paragon Of Dissonance
Ramesses - Take The CurseRamesses
Take The Curse
MSW - ObliviosusMSW
Obliviosus
Salome - TerminalSalome
Terminal
Bell Witch - & Aerial Ruin - Stygian Bough Volume IBell Witch
& Aerial Ruin - Stygian Bough Volume I
The DevilThe Devil's Blood
The Thousandfold Epicentre
Bloody Panda - SummonBloody Panda
Summon
Devil - Time To RepentDevil
Time To Repent
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections