Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal [ punk ] indie experimental elettronica

The Weirdness - Stooges, The (Virgin)


Stooges, The - The Weirdness
Voto:
Etichetta: Virgin
Anno: 2007
Produzione:
Genere: punk / rock / garage
Scheda autore: Stooges, The



L'ultimo album degli Stooges risale al 1973. Raw Power a nome Iggy And The Stooges, disco controverso che vedeva il ritorno della band dopo lo scioglimento dovuto agli eccessi di droga e alla perdita del contratto discografico. All'epoca fu David Bowie a prendersi cura della band producendo il disco e trovando loro una nuova etichetta.

In realtà l'ultimo vero e proprio disco degli Stooges è di qualche anno prima, ovvero il 1970 e si intitola Funhouse, quello che per il sottoscritto è uno dei dischi più belli e importanti di sempre.

Il ritorno della band di Iggy Pop consente ai più giovani di vedere dal vivo (in versione ammaestrata, va da sè) la band più influente degli ultimi 30 anni, diciamo dell'immediato post Velvet Underground. Le prime prove tecniche le troviamo nell'ultimo disco di Iggy Pop, ovvero Skull Ring (del 2003) in cui i fratelli Asheton, accompagnati da Mike Watt (Minutemen) e Steve Mckay regalano al leader quattro brani (Little Electric Chair, Skull Ring, Loser, Dead Rock Star).

Arriviamo a oggi. The Weirdness vede la presenza al banco di regia di Steve Albini, tanto per garantire un minimo di suono acido, grezzo e urticante alla band.

Mi sembra ovvio che è impossibile chiedere una pietra miliare. Sarebbe irrispettoso verso i 30 anni di musica post-Stooges. All'interno trovate un po' della svogliatezza dell'esordio, un po' del delirio di Funhouse e un po' della furbizia di Raw Power. Niente di trascendentale ma i motivi per ascoltarlo sono molteplici ma soprattutto uno: le canzoni non sono male, hanno un bel tiro, si attaccano velocemente e difficilmente stuferanno. E' sempre un piacere ascoltare la zozzeria della chitarra di Asheton, vero e proprio punto di riferimento per generazioni di rocker. Manca la follia di Iggy, ma rispetto ai suoi dischi solista siamo comunque su un altro pianeta (ok, salviamo The Idiot e Lust For Life).

Festeggiamo il ritorno della band. I più anziani piangeranno a rimembrare i bei tempi, i più giovani si stupiranno che si può "spaccare" senza essere ipervitaminizzati.

[Dale P.]

Canzoni significative: My Idea Of Fun, Passing Cloud.


Questa recensione é stata letta 2821 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Stooges, The - FunhouseStooges, The
Funhouse
Stooges, The - Raw PowerStooges, The
Raw Power
Stooges, The - The StoogesStooges, The
The Stooges

Live Reports

10/07/2004TorinoTraffic Free Festival
02/09/2006MilanoRock In Idro

NEWS


19/04/2006 Con Steve Albini

tAXI dRIVER consiglia

Distillers, The - Sing Sing Death HouseDistillers, The
Sing Sing Death House
Otoboke Beaver - Itekoma HitsOtoboke Beaver
Itekoma Hits
Clash - London CallingClash
London Calling
Motorama - No Bass FidelityMotorama
No Bass Fidelity
Deadwalk, The - Super Boring MusicDeadwalk, The
Super Boring Music
Distillers, The - The DistillersDistillers, The
The Distillers
Ramones - RamonesRamones
Ramones
Amyl And The Sniffers - Amyl And The SniffersAmyl And The Sniffers
Amyl And The Sniffers
Bad Dog Boogie - /Electric Frankenstein - Doktor FrankendragsterBad Dog Boogie
/Electric Frankenstein - Doktor Frankendragster
Brain Donor - Love Peace & FuckBrain Donor
Love Peace & Fuck