Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Suburban Base - Suburban Base (DEMO)

Ultime recensioni

Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog
Bummer - Dead HorseBummer
Dead Horse
Marissa Nadler - The Path Of The CloudsMarissa Nadler
The Path Of The Clouds
Vanishing Twin - Ookii GekkouVanishing Twin
Ookii Gekkou
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
Chevelle - NiratiasChevelle
Niratias
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
The Bug - FireThe Bug
Fire
Nala Sinephro - Space 1.8Nala Sinephro
Space 1.8
Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim
Jerusalem In My Heart - QalaqJerusalem In My Heart
Qalaq
Limp Bizkit - Still SucksLimp Bizkit
Still Sucks

Suburban Base - Suburban Base
Titolo: Suburban Base
Anno: 2005
Produzione:
Genere: metal / nu-metal /

Voto:



Questa band si presenta a me con un EP “Suburban Base”, omonimo, contenente cinque tracce, veramente apprezzabili, sia dal punto di vista compositivo che sonoro.

Il “crossover” dei “Suburban Base” nasce tutto dalle chitarre “veramente di gusto”, come si dice dalle mie parti, che cadenzano alla perfezione i tempi espressivi della band. Tutti i componenti del gruppo suonano molto bene e tutto è condito da una buona registrazione: sì buona perché il basso si sente un po’ pochino ed il timbro di cassa della batteria potrebbe spaccare il doppio, dettagli che avrebbero valorizzato maggiormente un lavoro che merita.

Ascolto i “Suburban Base” e sono alquanto colpito dalle diverse ambientazioni che riescono a creare: non fanno nulla di difficile ma quello che fanno è intelligente e non risulta mai scontato.

Apprezzabilissima la scelta di registrare la quarta traccia con archi e pianoforte, ma la mia preferita rimane comunque la seconda traccia “The run of the world”.

[ADam]

Questa recensione é stata letta 2953 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Deftones - White PonyDeftones
White Pony
Incubus - Enjoy Incubus EPIncubus
Enjoy Incubus EP
 Unsifted
Unsifted
Egg - EggEgg
Egg
Otep - Sevas TraOtep
Sevas Tra
Dog Fashion Disco - Anarchist Of Good TasteDog Fashion Disco
Anarchist Of Good Taste
Spineshank - The Height Of CallousnessSpineshank
The Height Of Callousness
Mudvayne - L.D.50Mudvayne
L.D.50
Korn - IssuesKorn
Issues
Rex Devon / Family Pusher - Loudblast Split Vol5Rex Devon / Family Pusher
Loudblast Split Vol5