Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Return To Cookie Mountain - TV On The Radio (Interscope)


TV On The Radio - Return To Cookie Mountain
Voto:
Etichetta: Interscope
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / alternative / experimental



L'eredità della New Wave (e del Post Punk) è stata dissipata e martoriata da un sacco di gruppi. Penso soprattutto ai Franz Ferdinand: "I Talking Heads del nuovo millennio" (Musicalnews.com ©)…

In ogni caso il "revival" (nelle sue infinite e contradditorie sfaccettature) , che è animato per lo più da schiere di epigoni-ladruncoli, presenta qualche formazione previdente, originale e imprescindibile per la Storia del Rock.

I TV ON THE RADIO (che oltretutto stanno in una posizione defilata all'interno si questo marasma) sono l'esempio migliore x quanto mi riguarda. Basta sentire i suoni contenuti all' interno dell'ultimo disco per rendersi conto dell'importanza cruciale di "Return to cookie mountain".

I TV ON THE RADIO sono il Rock arrivato all' anno 2006.

Un Rock stanco di battaglie, rivoluzioni, sconfitte, suicidi e omicidi.

Un Rock piuttosto progressista, eclettico, promiscuo e ,perchè no, lesbico.

I TV ON THE RADIO dalla postazione di controllo sita in N.Y.C. faranno saltare in aria una dopo l'altra tutte ste bande-ruole (o "Armata Brancaleone"?) e faranno vedere come diavolo si continua il discorso iniziato 30 anni fa dalla New Wave a stelle strisce (...dalla New York del compianto CBGB'S alle periferie della Cleveland dei Pere Ubu).

I TV ON THE RADIO hanno ascoltato in piena pubertà i dischi storici della New Wave ma ,dopo aver imbracciato gli strumenti, li hanno immediatamente sbattuti nel pattume per non farsi assoggettare/intimidire dalla bellezza e dalla tentazione nostalgica di quelle registrazioni. Bravi. Così si fa.

Sì, lo amo questo disco. Mi ha subito colpito quella voce nevrastenica, insidiosa ed elegantemente screanzata che si inerpica tra le imprevedibili traiettorie sonore di "Playhouses".

Mi ha subito colpito quel singolo di nome "Wolf like me" coi suoi suoni affilati e seborroici.

Mi ha subito colpito l'evoluzione cinematografica dell' incipit "I Was a Lover".

Evidentemente queste cose hanno colpito anche David Bowie, un fan di sommo rispetto. Una delle poche occasioni in cui un fan è presente nel disco dei suoi beniamini (canta in "Province").

"Return to cookie mountain" mi ha salvato la vita.

Almeno per quest'anno...

[Dani Mani]

Canzoni significative: “Wolf like me”, “Playhouses”, “I was a lover”.


Questa recensione é stata letta 4018 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Lecrevisse - Le Piccole Foglie EPLecrevisse
Le Piccole Foglie EP
Martin Grech - March Of The LonelyMartin Grech
March Of The Lonely
Andrew WK - I Get WetAndrew WK
I Get Wet
 Deadburger
S.t.0.r.1.e.
Fantomas - Amenaza Al MundoFantomas
Amenaza Al Mundo
Saul Williams - The Inevitable Rise And Liberation Of NiggyTardustSaul Williams
The Inevitable Rise And Liberation Of NiggyTardust
Roxy Saint - The Underground Personality Tapes [DVD]Roxy Saint
The Underground Personality Tapes [DVD]
Chelsea Wolfe - ApokalypsisChelsea Wolfe
Apokalypsis
Lingua - All My Rivals Are Imaginary GhostLingua
All My Rivals Are Imaginary Ghost
(P)itch - Bambina Atomica(P)itch
Bambina Atomica