Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Polyimage Of Known Exits - Tartar Lamb (Autoproduzione)

Ultime recensioni

Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio
Primitive Man - ImmersionPrimitive Man
Immersion
Neptunian Maximalism - EonsNeptunian Maximalism
Eons
Nova Twins - Who Are The Girls?Nova Twins
Who Are The Girls?

Tartar Lamb - Polyimage Of Known Exits
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione: Toby Driver
Genere: metal / drone / jazz



Sono trascorsi ben quattro anni dal battesimo di Tartar Lamb, progetto collaterale di Toby Driver e Mia Matsumyia, entrambi nei Kayo Dot (e il primo anche con gli eccezionali Maudlin Of The Well). L'atmosfera grottesca e surreale di "Sixty Metonimies" ribadiva la destrezza compositiva del duo anche lontano dalla formazione-madre, col violino della Matsumyia padrone di scorazzare come uno spettro per le distorte stanze di quel disco in bilico tra angoscia e sublime poesia.

Prodotto grazie alle donazioni racimolate da Driver sul web, "Polyimage Of Known Exits" non diverge dal punto focale della musica del progetto, anche se e' inevitabile constatare l'inattesa marginalita' cui e' relegato l'archetto della Matsumyia. Infatti, i quattro movimenti di questa lunga suite, che non conosce soluzione di continuita' e che rimane salda nei pressi dello sperimentalismo di Art Zoyd e Univers Zero, vedono salire in cattedra le cadaveriche melodie e i barriti improv-jazz dei sax di Terran Olson e Daniel Meats e del clarinetto di Jeremiah Cymerman, innesti si' utili all'ampliamento del campo cromatico dei Tartar Lamb, ma che solcano una seppur minuta crepa tra il presente e il passato. Soltanto nel quarto ed ultimo movimento Mia riemerge dalle tenebre per spennellare un caldo e suadente acquerello, che e' invero uno dei rari momenti in cui l'alta tensione emotiva dell'album si riduce di livello.

Immerso in una grumosa glassa di rumori e ingranaggi che scricchiolano, "Polyimage Of Known Exits" scivola in corridoi che galleggiano come flessuosi tubi che conducono chissa' dove in virtu' di un astrattismo formale che, per fortuna, non si traduce in evanescenza concettuale.

Non salveranno il mondo della musica, ma non meritano affatto di essere ignorati.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: 2nd Movement; 4th Movement.

Questa recensione é stata letta 1855 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

ASVA - What You DonASVA
What You Don't Know Is Frontier
Sunn O))) - Flight Of The BehemotSunn O)))
Flight Of The Behemot
Sunn O))) - Black OneSunn O)))
Black One
Lustmord - OtherLustmord
Other
The Dead C - Rare RaversThe Dead C
Rare Ravers
Sunn O))) - Life MetalSunn O)))
Life Metal
Earth - Earth 2Earth
Earth 2
Earth - The Bees Made Honey in the LionEarth
The Bees Made Honey in the Lion's Skull
Dark Buddha Rising - MathreyataDark Buddha Rising
Mathreyata
Sunn O))) - White 2Sunn O)))
White 2