Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Polyimage Of Known Exits - Tartar Lamb (Autoproduzione)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Tartar Lamb - Polyimage Of Known Exits
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione: Toby Driver
Genere: metal / drone / jazz



Sono trascorsi ben quattro anni dal battesimo di Tartar Lamb, progetto collaterale di Toby Driver e Mia Matsumyia, entrambi nei Kayo Dot (e il primo anche con gli eccezionali Maudlin Of The Well). L'atmosfera grottesca e surreale di "Sixty Metonimies" ribadiva la destrezza compositiva del duo anche lontano dalla formazione-madre, col violino della Matsumyia padrone di scorazzare come uno spettro per le distorte stanze di quel disco in bilico tra angoscia e sublime poesia.

Prodotto grazie alle donazioni racimolate da Driver sul web, "Polyimage Of Known Exits" non diverge dal punto focale della musica del progetto, anche se e' inevitabile constatare l'inattesa marginalita' cui e' relegato l'archetto della Matsumyia. Infatti, i quattro movimenti di questa lunga suite, che non conosce soluzione di continuita' e che rimane salda nei pressi dello sperimentalismo di Art Zoyd e Univers Zero, vedono salire in cattedra le cadaveriche melodie e i barriti improv-jazz dei sax di Terran Olson e Daniel Meats e del clarinetto di Jeremiah Cymerman, innesti si' utili all'ampliamento del campo cromatico dei Tartar Lamb, ma che solcano una seppur minuta crepa tra il presente e il passato. Soltanto nel quarto ed ultimo movimento Mia riemerge dalle tenebre per spennellare un caldo e suadente acquerello, che e' invero uno dei rari momenti in cui l'alta tensione emotiva dell'album si riduce di livello.

Immerso in una grumosa glassa di rumori e ingranaggi che scricchiolano, "Polyimage Of Known Exits" scivola in corridoi che galleggiano come flessuosi tubi che conducono chissa' dove in virtu' di un astrattismo formale che, per fortuna, non si traduce in evanescenza concettuale.

Non salveranno il mondo della musica, ma non meritano affatto di essere ignorati.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: 2nd Movement; 4th Movement.

Questa recensione Ú stata letta 1832 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Mamiffer - Mare DecendriiMamiffer
Mare Decendrii
The Dead C - Rare RaversThe Dead C
Rare Ravers
Boris - FloodBoris
Flood
Earth - Earth 2Earth
Earth 2
Boris - AbsolutegoBoris
Absolutego
Harvestman - Lashing The RyeHarvestman
Lashing The Rye
Alexander Tucker - Third MouthAlexander Tucker
Third Mouth
Sunn O))) - White 2Sunn O)))
White 2
Lustmord - Songs Of Gods And DemonsLustmord
Songs Of Gods And Demons
Harvestman - TrinityHarvestman
Trinity