Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Mit Gas - Tomahawk (Ipecac)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Tomahawk - Mit Gas
Voto:
Etichetta: Ipecac
Anno: 2003
Produzione:
Genere: rock / alternative /
Scheda autore: Tomahawk

MP3: sample (30 secondi)


Tornano a quasi due anni di distanza Mike Patton, Duane Denison, Kevin Rutmanis e John Stainer, ovvero i Tomahawk. E tornano alla grandissima, schiacciando l'ascoltatore con "Bird Song" dove canti di uccelli si mescolano a chitarre lancinanti. E' sempre lo stesso suono destabilizzante, quello che parte dai Jesus Lizard e arriva ai giorni nostri. Patton si mostra pi a suo agio nel seguire le follie del gruppo. Il suono cresce pian piano, come se stesse per avvertirti che qualcosa sta per accadere, poi arriva lo schiaffo, e non leggero. E' quasi un pugno, se non fosse attraversato dalla bellezza della voce, farebbe molto pi male. Ma le implosioni, le divagazioni, le violenze non aiutano l'ascoltatore che una volta messo il CD nel lettore non trova vie di fuga. Si trova bloccato ad ascoltare questi quattro pazzi (che ricordiamo arrivano da alcuni dei migliori gruppi della fine degli anni 80/inizio 90: Jesus Lizard, Faith No More, Cows e Helmet), che si dilettano a trasformare in musica i loro peggiori incubi. E come un incubo vi troverete da un punto all'altro senza un perch e spesso senza una logica, vi troverete nella pace e poi nella paura, vivrete terrorizzate con il timore che possa accadere qualcosa. Ascoltatevi "I Can't Win" sorta di incubo alla Bad Seeds con un Mike Patton schizzato e in impegnato a sentirsi come un Nick Cave schiavo dell'eroina, mentre il gruppo si butta in follie noise per poi cullarvi in una ninna nanna depravata. Non mancano accenni all'elettronica (Capt Midnight sembra una canzone dei Massive Attack) e a cose demenziali (Desastre Natural). Fino all'uscita del nuovo dei Fantomas (settembre) per me il disco dell'anno.

[Dale P.]

Canzoni significative: Rape This Day, I Can't Win


Questa recensione stata letta 5739 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Tomahawk - AnonymousTomahawk
Anonymous
Tomahawk - TomahawkTomahawk
Tomahawk

Live Reports

08/07/2003CorreggioFesta Dell'Unit

NEWS


30/11/2012 Video di Stone Letter
07/11/2011 Nuovo Disco In Arrivo
06/12/2005 Nuovo Album

tAXI dRIVER consiglia

Strokes, The - Is This ItStrokes, The
Is This It
Waax - Big GriefWaax
Big Grief
Martin Grech - March Of The LonelyMartin Grech
March Of The Lonely
Afghan Whigs - Unbreakable A RetrospectiveAfghan Whigs
Unbreakable A Retrospective
Quinto Stato - Quinto StatoQuinto Stato
Quinto Stato
 Deadburger
S.t.0.r.1.e.
Division Of Laura Lee - Black CityDivision Of Laura Lee
Black City
Nine Inch Nails - With TeethNine Inch Nails
With Teeth
Andrew WK - I Get WetAndrew WK
I Get Wet
Giorgio Canali - Giorgio Canali & RossofuocoGiorgio Canali
Giorgio Canali & Rossofuoco