Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

The 1996 Dep Sessions - Tony Iommi (Sanctuary)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Tony Iommi - The 1996 Dep Sessions
Voto:
Anno: 2004
Produzione:
Genere: metal / hard rock / rock
Scheda autore: Tony Iommi



Precedentemente diffuso con il nome "Eight Star" sotto forma di bootleg, vedono finalmente alla luce i brani scritti da Tony Iommi assieme a Glenn Hughes. Il disco vede lo straordinario duo esibirsi assieme per la seconda volta dopo i fasti di "Seventh Star" (uscito sotto un improbabile "Black Sabbath featuring Tony Iommi"!).

Il disco era stato registrato nel 1996 ma, al tempo, furono rubate le registrazioni e vendute come bootleg. Alcuni anni dopo si misero le mani a quelle sessions che ora possono vedere la luce sotto una migliore luce rispetto alla pessima qualità del bootleg.

Il disco è un perfetto disco rock senza trovate originali, strane o semplicemente virtuosistiche. Solo rock e grandi canzoni.

Ovviamente, vedendo i protagonisti, l'album ha un sapore vagamente seventies e senz'altro raccoglierà critiche positive sia da chi ama il "vecchio" hard-rock sia da chi è abituato ad ascoltare le moderne band grunge-stoner (che da sempre hanno forti debiti sia con i Black Sabbath che con i Deep Purple, un nome a caso: Soundgarden).

[Dale P.]

Canzoni significative: Gone, Don't You Tell Me.

Questa recensione é stata letta 2860 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Tony Iommi - IommiTony Iommi
Iommi

tAXI dRIVER consiglia

Black Label Society - 1919 EternalBlack Label Society
1919 Eternal
Idle Hands - ManaIdle Hands
Mana
Tony Iommi - The 1996 Dep SessionsTony Iommi
The 1996 Dep Sessions
Ghost - Opus EponymousGhost
Opus Eponymous
Black Sabbath - ParanoidBlack Sabbath
Paranoid
Black Sabbath - Past LivesBlack Sabbath
Past Lives
Black Sabbath - We Sold Our Soul For RockBlack Sabbath
We Sold Our Soul For Rock'n'Roll