Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Tool - 10000 Days (Volcano)

Ultime recensioni

Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight
Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace
Gouge Away - Deep SageGouge Away
Deep Sage
The Body - & Dis Fig - Orchards of a Futile HeavenThe Body
& Dis Fig - Orchards of a Futile Heaven
Chelsea Wolfe - She Reaches Out To She Reaches Out To SheChelsea Wolfe
She Reaches Out To She Reaches Out To She
Matt Cameron - Gory Scorch CretinsMatt Cameron
Gory Scorch Cretins

Tool - 10000 Days
Autore: Tool
Titolo: 10000 Days
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / alternative /

Voto:



Ricordo ancora chiaramente il senso di mistero evocato dal nome Tool. Foto promozionali ridotte al minimo, video oscuri, informazioni sulla band praticamente assenti. Erano gli anni in cui internet era un affare per pochi. Anche i Tool lo erano. Ricordo con piacere l'uscita di questi album oscuri e possenti che per la generazione grunge segnarono l'immediato post-Soundgarden.

Poi nel 2001, uscì Lateralus. Fin dal principio i fan gridarono al miracolo, e sparsero la voce sulla grandezza indiscutibile di Maynard e compagni. Grazie al tam tam di internet il disco, nel giro di anni, arrivò alle orecchie di chiunque. Chi venne sconvolto dall'alta qualità del songwritings, chi per le funamboliche doti tecniche dei musicisti, chi senza capire si allineò al trend in cui vedeva i Tool una band che doveva piacere. Per forza.

Eccoci al presente. Un presente fatto di attese spasmodiche, spesso deliranti e allarmanti. L'album viene anticipato da "Vicarious" sicuramente il brano più "normale" fra gli undici qui presenti.

Fin dal principio si palesano le novità: il suono è possente e curato, decisamente moderno. La coproduzione di Joe Barresi ha evidentemente stimolato la band a ricercare e a sperimentare. Le nuove influenze si delineano fin dal principio: Meshuggah, Melvins, Jesus Lizard, Neurosis, King Crimson, Lustmord, sono tutti nomi che vi ritroverete a citare per spiegare questo o quel riff. Niente di palesemente citazionista, anzi, i nuovi spunti vengono usati come sfumature aggiuntive del classico colore Tool.

Quello che vi colpirà ascoltando "10000Days" (positivamente o negativamente dipende dai vostri gusti) è l'astrazione dell'impatto. Niente di fisico e palese: il disco ha un mood decisamente mentale. Non è un album da ascoltare con le orecchie. Perlomeno non con le stesse orecchie con cui avete ascoltato "Lateralus". "10000 Days" risulta infatti un completamento del disco del 2001. Se "Lateralus" è il corpo (di bel aspetto, atletico, potente, perfetto), "10000Days" è lo spirito (contorto, riflessivo, insicuro ma dannatamente stimolante).

Risulta quindi un album non adatto a tutti, soprattutto non da chi si aspetta dai Tool le acrobazie ritmiche degli album precedenti. Piacerà, invece, a chi adora tutto quel mondo underground che Adam Jones ha sempre dimostrato di amare, quel mondo underground troppo stretto per una band che avrebbe gradito meno riflettori puntati su di se.

Approcciatevi con la giusta mentalità e questo album vi apparirà in tutta la sua grandezza.

Come avviene per il booklet: guardandolo con gli occhiali speciali vi apparirà nella giusta forma.

Non fermatevi alle apparenze. Indossate gli occhiali. E iniziate a guardare...

[Dale P.]

Canzoni significative: Jambi, Wings For Marie Part 2.

Questa recensione é stata letta 13811 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Tool - AenimaTool
Aenima
Tool - LateralusTool
Lateralus
Tool - Opiate EPTool
Opiate EP
Tool - Parabola [DVD]Tool
Parabola [DVD]
Tool - Schism [DVD]Tool
Schism [DVD]
Tool - UndertowTool
Undertow

Live Reports

19/06/2006MilanoDatch Forum
12/11/2006TorinoMazda Palace
02/09/2007BolognaIndipendent Days Festival

NEWS


23/03/2009 Al Lollapalooza 2009
09/08/2006 Nuovi Progetti Di Adam Jones
20/07/2006 A Novembre In Italia
26/06/2006 Supportano I Metallica in Corea
18/06/2006 Disco Solista di Danny Carey
16/06/2006 Cambia La Location Di Roma
26/04/2006 Spostata La Location di Bologna
28/03/2006 Il Primo Singolo
21/03/2006 La Copertina di "10000 Days"
12/03/2006 Tracklist di "10000 Days"
06/02/2006 Tre Date in Italia
03/02/2006 Prime Date Europee
31/01/2006 Al Coachella Festival
24/01/2006 Interviste e Video
30/11/2005 Doppio DVD
13/11/2005 DVD di Schism
30/08/2005 Guest Star Nel Nuovo Album
27/05/2005 Ad Agosto il DVD
11/01/2005 Nuova Band anche per Paul D'Amour
08/01/2005 Nuova Band per Danny Carey
09/11/2004 Con gli Isis

tAXI dRIVER consiglia

Melvins - Hostile Ambient TakeoverMelvins
Hostile Ambient Takeover
Tool - UndertowTool
Undertow
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Cave In - Heavy PendulumCave In
Heavy Pendulum
Dredg - LeitmotifDredg
Leitmotif
Mastodon - RemissionMastodon
Remission
Fantomas - The DirectorFantomas
The Director's Cut
Made Out Of Babies - CowardMade Out Of Babies
Coward
Mastodon - LeviathanMastodon
Leviathan
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine