Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Death Cult - Völur (Prophecy)

Ultime recensioni

Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
A.A. Williams - Songs From IsolationA.A. Williams
Songs From Isolation
Concrete Ships - In ObservanceConcrete Ships
In Observance
Tomahawk - Tonic ImmobilityTomahawk
Tonic Immobility
Lucidvox - We AreLucidvox
We Are
Eyehategod - A History of Nomadic BehaviorEyehategod
A History of Nomadic Behavior
Really From - Really FromReally From
Really From
Shame - Drunk Tank PinkShame
Drunk Tank Pink
Worn - Human WorkWorn
Human Work
My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Uada - DjinnUada
Djinn
John Carpenter - Lost Themes IIIJohn Carpenter
Lost Themes III
Constance Tomb - MCMLXXXVIIIConstance Tomb
MCMLXXXVIII
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Originalii - PendulumOriginalii
Pendulum
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Portrayal Of Guilt - We Are Always AlonePortrayal Of Guilt
We Are Always Alone
Zola Mennanöh - Longing for BelongingZola Mennanöh
Longing for Belonging
Molassess - Through The HollowMolassess
Through The Hollow
Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough

Völur - Death Cult
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Prophecy
Anno: 2020
Produzione:
Genere: metal / doom / folk
Scheda autore: Völur



Il doom è un genere che non ha bisogno di innovazioni però quando ci sono male non fa. Völur dal Canada sono decisamente interessanti proprio perchè prendono i classici clichè del genere (lentezza, oppressione, ripetizione) e li spoglia della chitarra. Già ci sono gli OM, direte voi, vero. Però i Völur sono in tre e aggiungono un violino. Il suono si fa pieno e si riempie di stravaganti influenze. In primis la ritmica non disdegna qualche blastata black metal e ritmi più elevati, secondariamente il violino riesce ad essere sia ripetitvo sia virtuoso, con deragliamenti nella musica classica e folk.

Völur non sono dei dilettanti. Lucas Gadke è il bassista dei Blood Ceremony e la violinista Laura Bates suonava nei folk Trent Severn e ha collaborato con Aidan Baker. In precedenza alla batteria trovavamo James Payment batterista dei Do Make Say Think (giro Constellation) sostituito per questo disco da Justin Ruppel. Insieme sono coesi e mostrano una visione di insieme piuttosto interessante riassumibile in heavy-doom-folk.

Un prodotto per certi versi estremo, non completamente a fuoco ma ricco di intuizioni e idee particolari. Senza dubbio da tenere d'occhio.

[Dale P.]

Canzoni significative: Inviolate Grove, Freyjan Death Cult.


Questa recensione é stata letta 70 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Unearthly Trance - ElectrocutionUnearthly Trance
Electrocution
Ramesses - Take The CurseRamesses
Take The Curse
Yob - AtmaYob
Atma
Konvent - Puritan MasochismKonvent
Puritan Masochism
Bell Witch - & Aerial Ruin - Stygian Bough Volume IBell Witch
& Aerial Ruin - Stygian Bough Volume I
Bloody Panda - SummonBloody Panda
Summon
Blood Ceremony - The Eldritch DarkBlood Ceremony
The Eldritch Dark
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Esoteric - Paragon Of DissonanceEsoteric
Paragon Of Dissonance
Salome - TerminalSalome
Terminal