Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk alternative indie stoner experimental drone elettronica grunge

White Light White Heat - Velvet Underground (Verve)


Velvet Underground - White Light White Heat
rock / pop /

Voto:
Voto utenti (241):

Produzione:
Anno: 1967

Scheda autore: Velvet Underground



Assieme a Trout Mask Replica di Captain Beefheart uno dei dischi fondamentali della storia della musica pi difficili in assoluto. Se Velvet Underground & Nico era il parto tossico di Lou Reed e John Cale con la partecipazione allucinata di Andy Warhol e Nico, questo White Light White Heat un viaggio verso l'inferno. Gi dalla title track capiamo di aver a che fare con qualcosa di diverso. Ma bastano poco meno di 3 minuti per arrivare a "The Gift". Musica noise senza senso sotto una voce recitante. Disturbante e fastidiosa. 8 minuti di tortura. Affascinante. La successiva "Lady Godiva's Operation" non lascia prigionieri. Sembra una sorta di "Sunday Morning"; ma verso il finale come se il diavolo si impadronisse del disco e sputasse fuori rumori disturbanti e spaventosi. L'unico momento di pace viene da "Here She Comes Now" (di norma l'unica canzone coverizzabile del disco!). In un disco normale sembrerebbe il lamento di una creatura sola in un bosco ferita da una creatura spaventosa che vuole vederla morire. Qua dentro il momento di maggior quiete. Tesissima. "I Heard Her Call My Name" proto punk. Sembra di ascoltare Iggy Pop che si dimena attorcigliato con il filo del suo microfono che lo strangola pian pianino. La chitarra la base di tutto il punk a seguire. Ascoltate con attenzione il solo. E' goduria per le orecchie! Ma se siete arrivati qua siamo quasi al peggio (o al meglio, dipende dai punti di vista): "Sister Ray" messa alla fine, tanto per darvi il colpo finale. La discesa agli inferi quasi compiuta. 17 minuti (che dal vivo diventavano molto di pi!) snervanti, disturbanti, senza senso, nervosi e malati. Qua dentro si sente tutta la droga che si inniettava il gruppo, un tour de force senza eguali nella storia della musica. Pura sperimentazione o goliardia drogata? Nel dubbio, il disco una delle cose pi eccitanti mai partorite dalla mente umana.

[Dale P.]

Canzoni significative: The Gift, Sister Ray, I Hear Her Call My Name.

Vota Questo Disco:

Questa recensione stata letta 3783 volte!


Altre Recensioni

Velvet Underground - LoadedVelvet Underground
Loaded
Velvet Underground - The Velvet UndergroundVelvet Underground
The Velvet Underground
Velvet Underground - Velvet Underground & NicoVelvet Underground
Velvet Underground & Nico

tAXI dRIVER consiglia

Mc5 - Kick Out The JamsMc5
Kick Out The Jams
Paul McCartney - Chaos And Creation In The Back YardPaul McCartney
Chaos And Creation In The Back Yard
Strokes, The - Is This ItStrokes, The
Is This It
Joe Strummer - StreetcoreJoe Strummer
Streetcore
Nick Cave - HenryNick Cave
Henry's Dream
Nick Cave - Murder BalladsNick Cave
Murder Ballads
Nick Cave - No More Shall We PartNick Cave
No More Shall We Part
Velvet Underground - The Velvet UndergroundVelvet Underground
The Velvet Underground
Jeff Buckley - Live AlJeff Buckley
Live Al'Olympia
Nick Cave - Let Love InNick Cave
Let Love In