´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk [ indie ] experimental pop elettronica

Vivian Girls - Vivian Girls (In The Red)

Ultime recensioni

Geese - ProjectorGeese
Projector
Sunn O))) - Metta, BenevolenceSunn O)))
Metta, Benevolence
Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog
Bummer - Dead HorseBummer
Dead Horse
Marissa Nadler - The Path Of The CloudsMarissa Nadler
The Path Of The Clouds
Vanishing Twin - Ookii GekkouVanishing Twin
Ookii Gekkou
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
Chevelle - NiratiasChevelle
Niratias
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
The Bug - FireThe Bug
Fire
Nala Sinephro - Space 1.8Nala Sinephro
Space 1.8
Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim

Vivian Girls - Vivian Girls
Titolo: Vivian Girls
Anno: 2008
Produzione: Jeremy Scott
Genere: indie / rock / shoegaze

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta Vivian Girls





Tre ragazze del New Jersey, abbastanza bruttine da apparire affascinanti, scoordinate, rumorose, e un filo inquietanti. Le tipiche ragazze che si trovano in camera a parlare di fidanzati e maglioni ma che in realtÓ prendono in mano gli strumenti del fratello maggiore e suonano portando avanti una tradizione che andrebbe distrutta: le ragazze non sanno suonare. La batteria rientra in pieno nella tradizione che da Maureen Tucker (Velvet Underground) arriva a Meg White (White Stripes): quindi quattro quarti e bpm a 140 per tutto il disco. Il basso studiato su quello dei Ramones, la chitarra Ŕ rumorosa e suonata di mano destra (ergo non aspettatevi arrangiamenti, salti di tonalitÓ ecc). Le voci armonizzano soavemente come dei cani lasciati in giardino in pieno inverno.

Ma... ma in realtÓ il disco viene salvato e reso fruibile tramite una semplice scappatoia: riverberi che sanno di shoegaze. Ecco perchŔ probabilmente sarÓ una pena vederle dal vivo ma su disco funziona. Con le sue melodie semplici infilate nell'asse Jesus & Mary Chain e Pastels, senza scomodare i Beach Boys nŔ i Ramones a cui evidentemente vorrebbero aspirare. Canzoni che danno immediato mal di testa ma in qualche modo ti cullano in una dimensione fuori dal tempo, come se ci apparissero le Shonen Knife dopo 15 di oblio suonandoci "Bear Up Bison".

Mettiamoci l'anima in pace e valutiamo il disco come Ŕ senza farsi distrarre dall'hype: un buon primo disco difficilmente ripetibile, ma a cui non Ŕ effettivamente richiesto il bis. E ridateci le Shonen Knife!

[Dale P.]

Canzoni significative: I Belive In Nothing.

Questa recensione Ú stata letta 2301 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Milaus - Rock Da CityMilaus
Rock Da City
Radiohead - In RainbowsRadiohead
In Rainbows
Broken Social Scene - You Forgot It In PeopleBroken Social Scene
You Forgot It In People
Fontaines D.C. - DogrelFontaines D.C.
Dogrel
Zen Circus - Doctor SeductionZen Circus
Doctor Seduction
Kaito - Band RedKaito
Band Red
Bachi Da Pietra - Tarlo TerzoBachi Da Pietra
Tarlo Terzo
Joe Leaman - People Against LonelinessJoe Leaman
People Against Loneliness
 Sux!
Lucido
R.E.M. - MurmurR.E.M.
Murmur