´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Maktub - Zippo (Subsound)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Zippo - Maktub
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Subsound
Anno: 2011
Produzione: Victor Love
Genere: rock / stoner / progressive



Il progetto Zippo nasce a Pescara e giunge alla line-up definitiva nell'estate del 2004 con l'ingresso del cantante Davide (Dave) Straccione. Il loro inizio e' pero' datato ottobre 2005 allorche' il quintetto entra in studio per il primo full lenght autoprodotto "Ode To Maximum". Il resto e' storia recente con la collaborazione della Subsound Records per l'ottimo "Road To Knowledge" di due anni fa.

Ora e' la volta di "Maktub", un lavoro ambizioso ancorche' intrigante e vorticoso, che necessita di parecchi ascolti prima di "entrarci" dentro soprattutto per chi era abituato alle precedenti sonorita', ma che probabilmente segna il passo definitivo della band.

Loro amano definirsi "stoner" anche se onestamente, come detto, questo nuovo album sembra un pochino allontanarsi da questa tendenza. Piuttosto possiamo parlare di un "crossover" a tutto tondo con aperture prog/folk decisamente particolari senza dimenticare tortuosi viaggi psichedelici. Questa inversione di attitudine la si nota sin dall'iniziale "The Personal Legend" dove i possenti riff vengono accompagnati dal basso distorto di Stonino, quasi in stile Korn. Korn quindi e non Kyuss come nelle precedenti uscite, ma anche Tool (ad esempio "The Omens"), System Of A Down in certi momenti e Mastodon nell'epicita' di alcuni passaggi prog. Lo stoner propriamente detto si e' ridotto alla potente "Man Of Theory", e non solo per la presenza vocale di Ben Ward degli Orange Goblin, all'esoterica "Simum" con il sax di Luca Mai degli Zu in evidenza e alla conclusiva "The Treasure", forse il brano migliore del disco.

La voce di Dave poi fa da contorno ad un riuscitissimo album, che speriamo possa finalmente avere il giusto merito anche all'interno dei nostri confini nazionali dato che all'estero il gruppo gode gia' di buona popolarita'.

Producono Victor Love e masterizza James Plotkin (Khanate, Sunn O))), Isis) e anche questo e' sinonimo di garanzia.

[Cristiano Roversi]

Canzoni significative: Man Of Theory, Simum, The Treasure.

Questa recensione Ú stata letta 2767 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

06/04/2012LondraDesert Fest London 2012

NEWS


07/03/2011 Nuovo Brano con Ben Ward degli Orange Goblin
01/03/2011 Nuovo Brano In Anteprima
23/02/2011 Maktub a Marzo

tAXI dRIVER consiglia

AA.VV - Daze Of The Underground - A Tribute To HawkwindAA.VV
Daze Of The Underground - A Tribute To Hawkwind
Witchcraft - LegendWitchcraft
Legend
Ojm - VolcanoOjm
Volcano
Yung Druid - Yung DruidYung Druid
Yung Druid
Queens Of The Stone Age - Feel Good Hit Of The SummerQueens Of The Stone Age
Feel Good Hit Of The Summer
Earth - Primitive And DeadlyEarth
Primitive And Deadly
Om - BBC Radio 1Om
BBC Radio 1
Porn - American StylePorn
American Style
Kyuss - Muchas Gracias - The BestKyuss
Muchas Gracias - The Best
Om - Advaitic SongsOm
Advaitic Songs