Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Longing for Belonging - Zola Mennanöh (Figureight)

Ultime recensioni

My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Uada - DjinnUada
Djinn
John Carpenter - Lost Themes IIIJohn Carpenter
Lost Themes III
Constance Tomb - MCMLXXXVIIIConstance Tomb
MCMLXXXVIII
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Originalii - PendulumOriginalii
Pendulum
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Portrayal Of Guilt - We Are Always AlonePortrayal Of Guilt
We Are Always Alone
Zola Mennanöh - Longing for BelongingZola Mennanöh
Longing for Belonging
Molassess - Through The HollowMolassess
Through The Hollow
Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
Boris - & Merzbow - 2R0I2P0Boris
& Merzbow - 2R0I2P0
Dale Crover - Rat-A-Tat-Tat!Dale Crover
Rat-A-Tat-Tat!
Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear

Zola Mennanöh - Longing for Belonging
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2020
Produzione: Zola Mennanöh
Genere: pop / sperimentale / folk
Scheda autore: Zola Mennanöh



Zola Mennanöh è una musicista session da studio e dal vivo tecnicamente ovviamente molto dotata che dopo aver lavorato per altri ha deciso di realizzare un suo disco solista. L'ispirazione viene da artiste donne che flirtano con il pop e la sperimentazione: PJ Harvey, Beth Orton, Neko Case, Nina Nastasia e Cat Power.

C'è da dire che Zola si spinge più in là con un tessuto sonoro più colto inserendo elementi di classica contemporanea, jazz e musica sperimentale (vedi i 12 minuti ambient drone di "Make Things Simple") ricordando più dark chanteuse alla Nico, Diamanda Galas e l'omonima Zola Jesus.

Il risultato è un insieme di canzoni misteriose e affascinanti esattamente come è ritratta la protagonista nella copertina del disco.

Alla riuscita del disco hanno collaborato Nicole Hogstrand (viola da gamba), Johanna Borchert (pianoforte preparato, già nei validissimi Schneeweiss & Rosenrot con Lucia Cadotsch) e Szymon Pimpon G?siorek (drumkit e percussioni).

Un disco molto particolare che sarebbe un peccato non ascoltare.

[Dale P.]

Canzoni significative: I Came Here To Stay, I Disappeared Under The Sea.


Questa recensione é stata letta 44 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Zola Mennanöh - Longing for BelongingZola Mennanöh
Longing for Belonging
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology