Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

AA.VV. - Singles Soundtrack (Epic)

Ultime recensioni

Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing

AA.VV. - Singles Soundtrack
Titolo: Singles Soundtrack
Etichetta: Epic
Anno: 1992
Produzione:
Genere: rock / grunge / alternative

Voto:



C'è un momento in cui si può definire che il grunge, da genere altamente alternativo, si trasformò in fenomeno di massa?? Certamente: quando uscì il film Singles. Seattle, negli anni compresi tra la fine del 1991 e il 1994, era la capitale del mondo. I film si ambientavano tutti lì, i gruppi venivano tutti da lì ed era pure diventato un luogo di turismo (cosa piuttosto divertente pensando che praticamente piove tutto l'anno!!). Dopo l'esplosione di Pearl Jam e Nirvana non si parlava altro che di camicie di flanella e Doc Martens. Cameron Crowe, decise qualche tempo prima che avenisse tutto ciò, di girare un film sentimentale con una piccola parentesi sulla scena musicale. Si vedono così i protagonisti che vanno ad un concerto degli Alice In Chains e dei Soundgarden, i Pearl Jam che suonano con Matt Dillon (i mitici Citizen Dick!), comparsate di Mudhoney e Tad e citazioni varie. Tutto nella norma, un filmettino cult. Se non fosse uscito proprio nel 1992. Divenne quindi un caso mondiale. Rimane comunque un film da vedere per provare a riconoscere questo o quello. La colonna sonora sancì la differenza fra il grunge underground (allora molto numeroso) e quello mainstream (di cui mancano solo i Nirvana). La compilation in questione è composta da pezzi più o meno inediti e da qualche chicca. Innanzi tutto l'anticipazione di Would? (che apparirà nel multimilionario Dirt) degli Alice In Chains, due inediti dei Pearl Jam (State Of Love And Trust, immancabile nei concerti, e Breath), la prima uscita di Chris Cornell solista (Season, ma nel film si sente pure un accenno alla futura Spoonman: Chris aveva preparato diversi brani per il film), un paio di brani dell'ex Replacements Paul Westerberg, una cover dei Led Zeppelin delle Lovemongers (ovvero le Hearts), un'inedito a testa per Soundgarden e Mudhoney, e brani di Jimi Hendrix, Mother Love Bone, Screaming Trees e dei cugini Smashing Pumpkins. Per le succitate canzoni questa compilation risulta più imperdibile del film e un manifesto delle future mosse che avrebbe fatto la scena. Da qui in poi niente sarà più lo stesso.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione é stata letta 6820 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Default - The FalloutDefault
The Fallout
Cold - 13 Ways To Bleed On StageCold
13 Ways To Bleed On Stage
Pearl Jam - No CodePearl Jam
No Code
Nirvana - NevermindNirvana
Nevermind
Pearl Jam - BinauralPearl Jam
Binaural
Pearl Jam - VitalogyPearl Jam
Vitalogy
Loveblobs - Prehistoric ExtractionLoveblobs
Prehistoric Extraction
Pearl Jam - TenPearl Jam
Ten
Mudhoney - My Brother The CowMudhoney
My Brother The Cow
Soundgarden - Louder Than LoveSoundgarden
Louder Than Love