´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1 (El Paraiso)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1
Titolo: Jaiyede Sessions Vol. 1
Anno: 2022
Produzione: Jonas Munk
Genere: rock / psych / jazz

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Non tutti i rockettari si sono accorti del fermento "jazz" intorno a Londra: giovani musicisti hanno riportato in auge un suono che sembrava ormai dedicato a vecchi oltranzisti e a pochi sbarbati anacronistici. Comet Is Coming e Sons Of Kemet sono i due nomi pi¨ importanti di un fenomeno che ha abbracciato rock, pop, reggae, elettronica, hip hop dimostrando che la musica continua a nutrirsi di contaminazioni, alla faccia di chi pensa che la musica non abbia pi¨ nulla da dire.

Jakob Sk°tt, Jonas Munk e Martin Rude dei Causa Sui si sono dati appuntamento a Londra con Tamar Osborn (sassofonista e flautista in decine di dischi; probabilmente almeno uno lo avete in casa) e il tastierista Al MacSwenn (Kefaya) per creare una sinergia psichedelica a nome London Odense Ensemble, in parte ispirata proprio dal fermento jazzistico locale. Ne Ŕ venuta fuori "Jaiyede Sessions Volume I", nuovo imperdibile appuntamento per i freakettoni amanti della psichedelia strumentale che non teme di incontrarsi con la fusion, con il jazz spirituale di Alice Coltrane e Pharoah Sanders . Assoli, divagazioni sbilenche, momenti pi¨ viaggiosi di scuola kraut sono i protagonisti delle due facciate del disco che magari non inventano niente ma che mostrano vitalitÓ e donano all'ascoltatore quaranta minuti di viaggio psichedelico lontano da casa. Speriamo che diventi una serie da collezionare come fu per le mitiche Summer Sessions dei Causa Sui.

[Dale P.]

Canzoni significative: Jaiyede Sessions, Enter Momentum.


Questa recensione Ú stata letta 595 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

 Soundtrack Of Our Lives
Behind The Music
Weeed - You Are The SkyWeeed
You Are The Sky
Mdou Moctar - Afrique VictimeMdou Moctar
Afrique Victime
Quest For Fire - Lights From ParadiseQuest For Fire
Lights From Paradise
Motorpsycho - Kingdom Of OblivionMotorpsycho
Kingdom Of Oblivion
Pink Floyd - The Piper At The Gates Of DawnPink Floyd
The Piper At The Gates Of Dawn
OM - Conference Of The BirdsOM
Conference Of The Birds
Ghost (Jap) - Hypnotic UnderworldGhost (Jap)
Hypnotic Underworld
White Hills - HP-1White Hills
HP-1
Rose Windows - The Sun DogsRose Windows
The Sun Dogs