Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Louise Lemon - A Broken Heart Is An Open Heart (Icons Creating Evil Art)

Ultime recensioni

Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues
Thou - UmbilicalThou
Umbilical
Porcelain - PorcelainPorcelain
Porcelain
Eye - Dark LightEye
Dark Light
Bala - BestaBala
Besta
Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty

Louise Lemon - A Broken Heart Is An Open Heart
Autore: Louise Lemon
Titolo: A Broken Heart Is An Open Heart
Anno: 2019
Produzione: Randall Dunn
Genere: rock / alternative / goth

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




La svedese Louise Lemon sembra faticare a farsi conoscere. Siamo troppo saturi di cantanti oscure o è la qualità a latitare? Nè l'uno nè l'altro, probabilmente è solo una questione di carisma. Malin Louise Lemón Gadeborg si è autoproclamata Death Gospel Queen ma ha l'aspetto da brava ragazza svedese, con un bel fisico e la faccia rotonda, esattamente al contrario delle spigolose cantanti dark. Non si veste scuro e le sue foto potrebbero essere uscite dalle copertine di rivista di moda patinata. Non ci sono neanche dei tatuaggi in vista. Se ha un manager me lo immagino implorarla di farsi almeno una tinta scura.

Purtroppo queste facezie, in un mondo che corre veloce e la critica non viene elabora dopo lunghi pensieri, finiscono per far passare in secondo piano le qualità di un artista. Facendo l'esempio opposto, muovendosi più o meno nello stesso genere, prendete i Twin Temple che sull'immagine oscura e satanica hanno costruito la loro carriera.

Dopo tutto questo preambolo non ho ancora parlato di musica. Riassumendo molto Louise è l'anello di congiunzione fra Chelsea Wolfe e Lana Del Rey. Tempi blandi (estremizzando un po' potremmo definire doom, non a caso è molto amata dallo staff del Roadburn), vocalità soul, atmosfere oscure e cinematiche. Diremmo di scuola David Lynch, se già non esistessero Chrysta Bell e Julee Cruise.

Rispetto all'esordio "Purge", "A Broken Heart Is An Open Heart" risulta maggiormente prodotto e suonato, con sonorità ricercate e alcune grandi canzoni: si sente il lavoro raffinato dell'esperto produttore Randall Dunn. Datele una possibilità: potreste rimanerne piacevolmente sopresi.

[Dale P.]

Canzoni significative: Montaña, Not Enough.


Questa recensione é stata letta 540 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil

tAXI dRIVER consiglia

Lucidvox - We AreLucidvox
We Are
Black Eyes Snakes, The - Rise Up!Black Eyes Snakes, The
Rise Up!
Helms Alee - NoctilucaHelms Alee
Noctiluca
Sleater Kinney - The WoodsSleater Kinney
The Woods
Strokes, The - Is This ItStrokes, The
Is This It
Helmet - MeantimeHelmet
Meantime
Grinderman - GrindermanGrinderman
Grinderman
Black Midi - SchlagenheimBlack Midi
Schlagenheim
Division Of Laura Lee - Black CityDivision Of Laura Lee
Black City
Chelsea Wolfe - ApokalypsisChelsea Wolfe
Apokalypsis