Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Marti - Unmade Beds (Green Fog)

Ultime recensioni

Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues
Thou - UmbilicalThou
Umbilical
Porcelain - PorcelainPorcelain
Porcelain
Eye - Dark LightEye
Dark Light
Bala - BestaBala
Besta
Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty

Marti - Unmade Beds
Titolo: Unmade Beds
Etichetta: Green Fog
Anno: 2006
Produzione:
Genere: pop / rock / new wave

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




E' ironico che uno dei dischi più interessanti usciti quest'anno nel nostro stivale indie provenga da un attore. "Marti" è infatti il bravissimo attore Andrea Bruschi (segnaliamo 500!) coadiuvato da abili musicisti come Andrea Franchi, Simone Maggi, Claudia Natili, Luca Pagnotta più numerosi ospiti. La produzione di "Unmade Beds" è affidata al buongustaio Paolo Benvegniù mentre sigilla il tutto la Green Fog Records dei Meganoidi, abile a non sbagliare neanche un uscita.

Andrea Bruschi è un grande conoscitore di musica (e lo si vede spesso a Genova in giro per negozi di dischi) oltre ad essere un ottimo musicista dotato di buon gusto. Il suo esordio riesce ad essere citazionista fino al limite del plagio pur mantenendo un'identità ben precisa fatta di malinconia e semi-oscurità.

I riferimenti sono quelli dei grandi maestri vissuti tra gli anni 70 e gli 80 e formano un interessante mix di glam decadente, synth pop e venature cantautoriali. In "Unmade Beds" collidono Soft Cell, Depeche Mode, Nick Cave, Brian Ferry e David Bowie in un trip sonoro di grande efficacia.

Un disco perfetto per l'autunno, guardando dalla finestra l'avvicinarsi del gelo con la consapevolezza che proprio nelle ore più fredde saremo in giro distratti da qualche insegna luminosa di carattere lussurioso che ci porterà in qualche locale semivuoto e umido, dove poter maledire la nostra solitudine in santa pace.

[Dale P.]

Canzoni significative: September In The Rain, They're So Small.


Questa recensione é stata letta 3805 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

R.E.M. - RevealR.E.M.
Reveal
Twilight Singers - Black Is the Color of My True LoveTwilight Singers
Black Is the Color of My True Love's Hair
Peeping Tom - Peeping TomPeeping Tom
Peeping Tom
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Nick Cave - GhosteenNick Cave
Ghosteen
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Paolo Benvegnù - Piccoli Fragilissimi FilmPaolo Benvegnù
Piccoli Fragilissimi Film
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Ben Harper - Diamonds On The InsideBen Harper
Diamonds On The Inside
Neil Finn - One NilNeil Finn
One Nil