Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Sharon Van Etten - Remind Me Tomorrow (Jagjaguwar)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Sharon Van Etten - Remind Me Tomorrow
Autore: Sharon Van Etten
Titolo: Remind Me Tomorrow
Etichetta: Jagjaguwar
Anno: 2019
Produzione: John Congleton
Genere: pop / rock / indie

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Dopo una lunga sequenza di autoproduzioni, esattamente 10 anni fa Sharon Van Etten debuttò con l'album "Because I Was In Love", presentandosi come una piccola Cat Power country. Stessa voce fragile, stessa malinconia, stesso caschetto da maschiaccio e stesso visino angelico. 10 anni dopo, un po' come accadde a Chan, è totalmente cambiata: in pace con se stessa e con il suo aspetto, ma soprattutto con la sua musica. In un certo senso Sharon ora ha la grinta di Patti Smith, la stessa voglia di farsi portavoce e la stessa enfasi sonora. Un bel salto che a Sharon riesce per metà, finendo, per nostra fortuna, incastrata nella sua natura imperfetta. Fra arrangiamenti elettronici (Comeback Kid, che ricorda un po' Zola Jesus), schitarrate, momenti ambient e canzoni solitarie "Remind Me Tomorrow" è il disco della svolta di Sharon ma anche un disco ricco di momenti da ricordare (Seventeen, su tutto).

Un album da sviscerare e inevitabilmente da amare. Ma se volete i timidi bozzetti sonori del passato lasciate perdere.

[Dale P.]

Canzoni significative: Seventeen, Jupiter 4.


Questa recensione é stata letta 428 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Nick Cave - GhosteenNick Cave
Ghosteen
Crash Test Dummies - PussCrash Test Dummies
Puss'n'Boots
Twilight Singers - Black Is the Color of My True LoveTwilight Singers
Black Is the Color of My True Love's Hair
Paolo Benvegnù - Piccoli Fragilissimi FilmPaolo Benvegnù
Piccoli Fragilissimi Film
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Neil Finn - One NilNeil Finn
One Nil
Peeping Tom - Peeping TomPeeping Tom
Peeping Tom
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Neil Finn - & Friends - 7 Worlds CollideNeil Finn
& Friends - 7 Worlds Collide
Ben Harper - Diamonds On The InsideBen Harper
Diamonds On The Inside