Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Everything Comes And Goes - AA.VV. (Temporary Residence)

Ultime recensioni

Dale Crover - Rat-A-Tat-Tat!Dale Crover
Rat-A-Tat-Tat!
Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio
Primitive Man - ImmersionPrimitive Man
Immersion
Neptunian Maximalism - EonsNeptunian Maximalism
Eons

AA.VV. - Everything Comes And Goes
Voto:
Etichetta: Temporary Residence
Anno: 2005
Produzione:
Genere: metal / post-metal / alternative



Un tributo ai Black Sabbath? Di nuovo??? A turno, ogni band del mondo, deve pagare il suo personale dazio a Iommi e compagnia.

Il 2005 è l'anno di 9 band del circuito post-rock-noise-alternative:

Aprono le danze i Matmos con una serie di suoni evidentemente presi dagli album dei Black Sabbath e trasformati in effetti atmosferici. Niente di particolare ma validissimo come intro del disco.

I Ruins con solo basso e batteria frullano i riff ultraleggendari creando un unico spettacolare brano, in cui gli strumenti si rincorrono senza sosta.

Molto personale la rilettura dei Grails, splendido gruppo su Hydrahead. La loro "Black Sabbath" strumentale suona come fosse scritta dalla band. Notevole.

Four Tet e Curtis Harvey Trio si dilettano con due brani acustici. "Iron Man" in versione depressa da cameretta (carina) e "Changes" virata country (curiosa).

"Planet Caravan" (rifatta dai Anomoanon) diventa un brano alla Low, senza però perdere la poesia dell'originale.

La splendida "Sabbath Bloody Sabbath" viene trasformata dai Racebannon in un delirio noise-core scazzatissimo e un po' troppo lungo; per quanto per certi versi divertente.

"Green Leaf" è leggermente più acida dell'originale ma, nel complesso, risulta fuori dal contesto della compilation.

Un disco tutto sommato inutile; da ascoltare esclusivamente per Ruins e Grails (casualmente le band più note del lotto). Ma è bello notare come i brani dei Black Sabbath abbattano ogni steccato del genere, finendo per influenzare band che col metal hanno ben poco da spartire.

[Dale P.]

Canzoni significative: Black Sabbath, Reversible Sabbath.

Questa recensione é stata letta 2758 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Dirge - Elysian Magnetic FieldsDirge
Elysian Magnetic Fields
Valerian Swing - A Sailor Lost Around The EarthValerian Swing
A Sailor Lost Around The Earth
Solstafir - Svartir SandarSolstafir
Svartir Sandar
Battle Of Mice - A Day Of NightsBattle Of Mice
A Day Of Nights
Rosetta - A Determinism Of MoralityRosetta
A Determinism Of Morality
Kongh - Shadows Of The ShapelessKongh
Shadows Of The Shapeless
Kall - BrandKall
Brand
5ive - Hesperus5ive
Hesperus
Callisto - True Nature UnfoldCallisto
True Nature Unfold
Neurosis - Given To The RisingNeurosis
Given To The Rising