Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

AA.VV. - Everything Comes And Goes (Temporary Residence)

Ultime recensioni

Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog
Bummer - Dead HorseBummer
Dead Horse
Marissa Nadler - The Path Of The CloudsMarissa Nadler
The Path Of The Clouds
Vanishing Twin - Ookii GekkouVanishing Twin
Ookii Gekkou
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
Chevelle - NiratiasChevelle
Niratias
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
The Bug - FireThe Bug
Fire
Nala Sinephro - Space 1.8Nala Sinephro
Space 1.8
Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim
Jerusalem In My Heart - QalaqJerusalem In My Heart
Qalaq
Limp Bizkit - Still SucksLimp Bizkit
Still Sucks

AA.VV. - Everything Comes And Goes
Titolo: Everything Comes And Goes
Etichetta: Temporary Residence
Anno: 2005
Produzione:
Genere: metal / post-metal / alternative

Voto:



Un tributo ai Black Sabbath? Di nuovo??? A turno, ogni band del mondo, deve pagare il suo personale dazio a Iommi e compagnia.

Il 2005 l'anno di 9 band del circuito post-rock-noise-alternative:

Aprono le danze i Matmos con una serie di suoni evidentemente presi dagli album dei Black Sabbath e trasformati in effetti atmosferici. Niente di particolare ma validissimo come intro del disco.

I Ruins con solo basso e batteria frullano i riff ultraleggendari creando un unico spettacolare brano, in cui gli strumenti si rincorrono senza sosta.

Molto personale la rilettura dei Grails, splendido gruppo su Hydrahead. La loro "Black Sabbath" strumentale suona come fosse scritta dalla band. Notevole.

Four Tet e Curtis Harvey Trio si dilettano con due brani acustici. "Iron Man" in versione depressa da cameretta (carina) e "Changes" virata country (curiosa).

"Planet Caravan" (rifatta dai Anomoanon) diventa un brano alla Low, senza per perdere la poesia dell'originale.

La splendida "Sabbath Bloody Sabbath" viene trasformata dai Racebannon in un delirio noise-core scazzatissimo e un po' troppo lungo; per quanto per certi versi divertente.

"Green Leaf" leggermente pi acida dell'originale ma, nel complesso, risulta fuori dal contesto della compilation.

Un disco tutto sommato inutile; da ascoltare esclusivamente per Ruins e Grails (casualmente le band pi note del lotto). Ma bello notare come i brani dei Black Sabbath abbattano ogni steccato del genere, finendo per influenzare band che col metal hanno ben poco da spartire.

[Dale P.]

Canzoni significative: Black Sabbath, Reversible Sabbath.

Questa recensione stata letta 2811 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Neurosis - A Sun That Never SetsNeurosis
A Sun That Never Sets
A Storm Of Light - As The Valley Of DeathA Storm Of Light
As The Valley Of Death
Burst - Lazarus BirdBurst
Lazarus Bird
Kongh - Shadows Of The ShapelessKongh
Shadows Of The Shapeless
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Zu - CarboniferousZu
Carboniferous
Neurosis - Given To The RisingNeurosis
Given To The Rising
Solstafir - Svartir SandarSolstafir
Svartir Sandar
Dirge - Elysian Magnetic FieldsDirge
Elysian Magnetic Fields
Vanessa Van Basten - La Stanza Di SwedenborgVanessa Van Basten
La Stanza Di Swedenborg