Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Dirt - Alice In Chains (Columbia)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Alice In Chains - Dirt
Voto:
Anno: 1992
Produzione:
Genere: rock / grunge / metal
Scheda autore: Alice In Chains



Sono pochi i dischi in cui si respira un aria così malata, soffocante, disturbante. Dirt nasce dai problemi di droga di Layne Staley. Il cantante. Drogato non per posa (come testimoniano i maggiori rappresentanti del nascente post-grunge, ovvero l'inizio dello sfruttamento). Lui che ora non si sa dove sia finito e in che condizioni sia. Dopo Facelift (il debutto e disco d'oro in tempi non sospetti) e SAP (il primo EP con l'indimenticabile canzone degli AliceMudGarden) Dirt lancia i nostri nello stardom internazionale. Merito della qualità e non per via della moda (che loro stessi hanno contribuito a lanciare) del Grunge. Già perchè qua di grunge si tratta e Dirt può essere considerato il disco che ha codificato il genere più di qualunque altro. I nostri sposavano riff metal con melodie tristi e nessuna posa da rockstar. Le fenomenali Would? (usata per lanciare la colonna sonora del film Singles), Rooster, Godsmack, Junkhead e Angry Chair riescono a trasmettere depressione anche a distanza di anni. Musica per funerali da tossici verrebbe da dire. E nell'ultimo disco i nostri scriveranno proprio "not to plan my funeral before the body dies". Qua si limiteranno a "I believe them bones are me, some say we're born in the grave" e a tutti gli altri testi di droga e morte. Attenzione dà immediata dipendenza!

[Dale P.]

Questa recensione é stata letta 9054 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Alice In Chains - FaceliftAlice In Chains
Facelift
Alice In Chains - LiveAlice In Chains
Live
Alice In Chains - SAP EPAlice In Chains
SAP EP

Live Reports

04/06/2006MilanoGods Of Metal

NEWS


19/12/2012 Nuova Canzone Online
09/03/2011 Morto Mike Starr
13/08/2009 Elton John Ospite Nel Nuovo Disco
09/06/2009 A Settembre Il Nuovo Album
14/04/2009 Finito Il Mixaggio
29/04/2007 Nuovo Materiale
06/04/2006 Scelto Il Cantante
22/02/2006 Concerti Estivi in Europa
20/02/2005 La Setlist
19/02/2005 Con Maynard dei Tool!!
10/02/2005 Si Riformano Realmente??
02/02/2005 Reunion

tAXI dRIVER consiglia

10 Minute Warning - 10 Minute Warning10 Minute Warning
10 Minute Warning
Soundgarden - SuperunknownSoundgarden
Superunknown
AA.VV. - Singles SoundtrackAA.VV.
Singles Soundtrack
Black Label Society - Hangover Music Vol.VIBlack Label Society
Hangover Music Vol.VI
Soundgarden - BadmotorfingerSoundgarden
Badmotorfinger
Mudhoney - My Brother The CowMudhoney
My Brother The Cow
Jerry Cantrell - Degradation TripJerry Cantrell
Degradation Trip
Soundgarden - Louder Than LoveSoundgarden
Louder Than Love
Godsmack - AwakeGodsmack
Awake
Soundgarden - Screaming LifeSoundgarden
Screaming Life