Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Anoplogaster Cornuta - Artdisorder (Jestrai)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Artdisorder - Anoplogaster Cornuta
Voto:
Etichetta: Jestrai
Anno: 2004
Produzione:
Genere: metal / nu-metal /
Scheda autore: Artdisorder



Apprezziamo la volonta della Jestrai di aprirsi ad altre sonorità che non siano il punk/grunge alla Nirvana/Verdena. Apprezziamo anche la volontà dei Artdisorder di uscire oltre al clichè nu-metal da pogo forsennato.

In Italia c'è senza dubbio bisogno di band "nu" che riescano a catalizzare l'attenzione del pubblico, c'è anche bisogno di band che sappiano dire qualcosa di originale.

Artdisorder suonano originali. Come potevano essere gli ormai dimenticati VexRed. Emotivi senza essere "emo", potenti senza essere metal, romantici senza essere pop.

Ma quale è il problema di fondo?? Una produzione adeguata, una maggiore cura delle linee vocali e della voce in generale, e degli arrangiamenti un po' più ricercati. Ma soprattutto una personalità più definita.

Errori più che perdonabili per un esordio ma che, causa miliardi di prodotti analoghi (e spesso migliori) provenienti dall'estero, potrebbero far cadere nel dimenticatoio una band che avrebbe solo bisogno di crescere.

[Dale P.]

Canzoni significative: Zalahalla, Expo, Slowly.

Questa recensione é stata letta 3014 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Korn - Life Is PeachyKorn
Life Is Peachy
Boyhitscar - The PassageBoyhitscar
The Passage
Thisgust - ThisgustThisgust
Thisgust
Mudvayne - L.D.50Mudvayne
L.D.50
Deftones - White PonyDeftones
White Pony
Mudvayne - The End Of All Things To ComeMudvayne
The End Of All Things To Come
Papa Roach - InfestPapa Roach
Infest
Ninefold - MotelNinefold
Motel
Mad Capsule Markets - 010Mad Capsule Markets
010
Otep - Sevas TraOtep
Sevas Tra