Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Frost - Besvärjelsen (Blues Funeral)

Ultime recensioni

Black Road - Witch Of The FutureBlack Road
Witch Of The Future
Midnight - Rebirth By BlasphemyMidnight
Rebirth By Blasphemy
Nero Di Marte - ImmotoNero Di Marte
Immoto
Mortiis - Spirit Of RebellionMortiis
Spirit Of Rebellion
Bohren & Der Club Of Gore - Patchouli BlueBohren & Der Club Of Gore
Patchouli Blue
Kirk Windstein - Dream In MotionKirk Windstein
Dream In Motion
Konvent - Puritan MasochismKonvent
Puritan Masochism
Calibro 35 - MomentumCalibro 35
Momentum
Sons - Family DinnerSons
Family Dinner
Shock Narcotic - I Have Seen The Future And It DoesnShock Narcotic
I Have Seen The Future And It Doesn't Work
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial

Besvärjelsen - Frost
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Blues Funeral
Anno: 2019
Produzione: Andreas Bajer
Genere: rock / stoner / alternative
Scheda autore: Besvärjelsen



Gli Svedesi Besvärjelsen sono una stoner rock band formata da membri di Dozer, Greenleaf, Afgrund, Lastkaj e V. However. Il loro primo album "Vallmo" è rimasto nei circuiti locali mentre il nuovo "Frost", merito del buon lavoro della Blues Funeral Recordings, sta ottenendo un po' più di attenzione.

Meritatamente perchè il loro sound pur non essendo niente di originale ricorda le band madri, soprattutto Greenleaf e Dozer. Riff rocciosi, andamento mammuth, un pizzico di metal e un spruzzata di grunge alla Soundgarden. In questo caso la differenza sostanziale è per la presenza della brava Lea Amling Alazam alla voce, che pur non avendo un'ugola potente gioca saggiamente su un registro basso e ammaliante nello stile di band come Jex Thoth e Sabbath Assembly. Belle linee vocali, ottimi riff e nell'insieme un ottimo prodotto. Purtroppo dura poco meno di 30 minuti, un po' poco per premiarli con quattro stelle.

[Dale P.]

Canzoni significative: In The Dark, All Things Break.


Questa recensione é stata letta 72 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Elder - The Gold & Silver SessionsElder
The Gold & Silver Sessions
Danava - Hemisphere Of ShadowsDanava
Hemisphere Of Shadows
Om - BBC Radio 1Om
BBC Radio 1
Desert Sessions - Vol 9 - 10Desert Sessions
Vol 9 - 10
Masters Of Reality - FlikMasters Of Reality
Flik'n'Flight
Zippo - MaktubZippo
Maktub
Dozer - Beyond ColossalDozer
Beyond Colossal
Yung Druid - Yung DruidYung Druid
Yung Druid
Jex Thoth - Blood Moon RiseJex Thoth
Blood Moon Rise
Colt 38 - Colt ThirtyeightColt 38
Colt Thirtyeight