Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk [ indie ] experimental pop elettronica

Bjork - Medulla (One Little Indian)

Ultime recensioni

Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
Bri - Corpos TransparentesBri
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Misyrming - Me HamriMisyrming
Me Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade
Dead Cross - IIDead Cross
II
Just Mustard - Heart UnderJust Mustard
Heart Under
Otoboke Beaver - Super ChamponOtoboke Beaver
Super Champon
Caustic Casanova - Glass Enclosed Nerve CenterCaustic Casanova
Glass Enclosed Nerve Center
The Lovecraft Sextet - MiserereThe Lovecraft Sextet
Miserere
Gaerea - MirageGaerea
Mirage
Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut

Bjork - Medulla
Autore: Bjork
Titolo: Medulla
Anno: 2004
Produzione:
Genere: indie / elettronica /

Voto:



Sembrava impossibile che Bjork potesse fare un altro passo in avanti. Sono pochi gli artisti che ad ogni album stupiscono e spiazzano. Con Medulla, il piccolo folletto islandese riuscito a portare l'avanguardia nel pop. O, diversamente, riuscita a rendere pop l'avanguardia.

Il sesto disco (contando un po' a caso a dire il vero) di Bjork costruito interamente da voci. Non pensiate che sia un disco spoglio -magari cantato "a cappella"- ma provate ad immaginare di sostituire archi, beat, basso e tutti i tradizionali strumenti e suoni presenti nei dischi con le voci. Sicuramente vi siete fatti una cattiva idea, pensando a cori alpini, tradizionali e simili.

Il risultato , invece, il classico uovo di Colombo. Ascoltare "Vokuro": classica hyper-ballad nello stile dell'artista. L'effetto avanguardistico racchiuso nei particolari. Sentire il suono del battito dei denti o della lingua, le imprecisioni che diventano musica. Oppure ascoltare il plagio-omaggio-evoluzione di Demetrio Stratos in Oll Birtan, talmente simile all'originale che impossibile pensare che non le sia capitato di ascoltare l'ex Area. Magari Mike Patton (ospite in due brani) glielo ha consigliato per trovare spunti ed idee.

Medulla risulta quindi un disco splendido nelle idee e negli spunti, un pochino meno ispirato nello sviluppo delle canzoni e pu risultare stremante per la sua natura di album "vocale". Ma da comprare a scatola chiusa anche solo per premiare la scelta coraggiosa.

[Dale P.]

Canzoni significative: Oceania, Vokuro, Where Is The Line.

Questa recensione stata letta 3258 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Bjork - VespertineBjork
Vespertine

NEWS


06/06/2011 Preview di Crystalline
14/01/2005 Pubblica i RMX dei fan

tAXI dRIVER consiglia

Lali Puna - Scary World TheoryLali Puna
Scary World Theory
Radiohead - Kid ARadiohead
Kid A
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates
Bjork - MedullaBjork
Medulla
Radiohead - AmnesiacRadiohead
Amnesiac
Bjork - VespertineBjork
Vespertine
Mm - Finally We Are No OneMm
Finally We Are No One