Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk [ indie ] experimental pop elettronica

Bjork - Medulla (One Little Indian)

Ultime recensioni

Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues
Thou - UmbilicalThou
Umbilical
Porcelain - PorcelainPorcelain
Porcelain
Eye - Dark LightEye
Dark Light
Bala - BestaBala
Besta
Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven

Bjork - Medulla
Autore: Bjork
Titolo: Medulla
Anno: 2004
Produzione:
Genere: indie / elettronica /

Voto:



Sembrava impossibile che Bjork potesse fare un altro passo in avanti. Sono pochi gli artisti che ad ogni album stupiscono e spiazzano. Con Medulla, il piccolo folletto islandese riuscito a portare l'avanguardia nel pop. O, diversamente, riuscita a rendere pop l'avanguardia.

Il sesto disco (contando un po' a caso a dire il vero) di Bjork costruito interamente da voci. Non pensiate che sia un disco spoglio -magari cantato "a cappella"- ma provate ad immaginare di sostituire archi, beat, basso e tutti i tradizionali strumenti e suoni presenti nei dischi con le voci. Sicuramente vi siete fatti una cattiva idea, pensando a cori alpini, tradizionali e simili.

Il risultato , invece, il classico uovo di Colombo. Ascoltare "Vokuro": classica hyper-ballad nello stile dell'artista. L'effetto avanguardistico racchiuso nei particolari. Sentire il suono del battito dei denti o della lingua, le imprecisioni che diventano musica. Oppure ascoltare il plagio-omaggio-evoluzione di Demetrio Stratos in Oll Birtan, talmente simile all'originale che impossibile pensare che non le sia capitato di ascoltare l'ex Area. Magari Mike Patton (ospite in due brani) glielo ha consigliato per trovare spunti ed idee.

Medulla risulta quindi un disco splendido nelle idee e negli spunti, un pochino meno ispirato nello sviluppo delle canzoni e pu risultare stremante per la sua natura di album "vocale". Ma da comprare a scatola chiusa anche solo per premiare la scelta coraggiosa.

[Dale P.]

Canzoni significative: Oceania, Vokuro, Where Is The Line.

Questa recensione stata letta 3414 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Bjork - VespertineBjork
Vespertine

NEWS


06/06/2011 Preview di Crystalline
14/01/2005 Pubblica i RMX dei fan

tAXI dRIVER consiglia

Radiohead - AmnesiacRadiohead
Amnesiac
Mm - Finally We Are No OneMm
Finally We Are No One
Lali Puna - Scary World TheoryLali Puna
Scary World Theory
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates
Radiohead - Kid ARadiohead
Kid A
Bjork - MedullaBjork
Medulla
Bjork - VespertineBjork
Vespertine