Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Hallucinogen - Blut Aus Nord (Debemur Morti)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Blut Aus Nord - Hallucinogen
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Debemur Morti
Anno: 2019
Produzione:
Genere: metal / black metal / avantgarde
Scheda autore: Blut Aus Nord



L’inizio dell’ascolto del tredicesimo lavoro dei francesi fa saltare sulla sedia: eravamo rimasti alla claustrofobia industriale di “Deus Salutis Meae” e ci ritroviamo immersi in un’atmosfera eterea e spirituale. Certo, l’incidere dell’opener “Nomos Nebuleam” ha comunque un che di sinistro, ma è un mid tempo con chitarre a disegnare melodie e assoli ai limiti della pulizia per i canoni del genere. Eppure si capisce che è iniziato un viaggio bellissimo. Per dove non si sa perché se i ciceroni sono i Blut Aus Nord può succedere di tutto.

Nel complesso, come si evince facilmente dal titolo, la band decide di concentrarsi su atmosfere psichedeliche, quindi non particolarmente aggressive, a favore di aperture atmosferiche e melodiche dove le voci (il tipico cantato black incontra spesso una voce salmodiante) rimangono sempre abbastanza defilate rispetto alle lunghe parti strumentali. In certi momenti (vedi “Nebeleste”) ci troviamo di fronte ad una sorta di post rock progressivo e psichedelico dove dominano delay e riverberi e con cui i nostri appaiono perfettamente a loro agio.

“Sybelius” sembra la colonna sonora di una messa celebrata da un prete sotto LSD, mentre in “Anthosmos” si torna ad un black metal un po’ più convenzionale per quanto questa definizione stia da sempre stretta alla musica proposta dai Blut Aus Nord, ma è in “Haallucinählia” che il disco trova la summa perfetta tra il mantra psichedelico e la furia tipica del black metal.

Siamo di fronte all’ennesimo disco coraggioso dei Blut Aus Nord che da sempre se ne fregano di tutto e tutti continuando la loro personale strada nel mondo del black metal.

[Francesco Traverso]

Canzoni significative: Nomos Nebuleam, Haallucinählia, Nebeleste.

Questa recensione é stata letta 121 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Werian - AnimistWerian
Animist
Gallhammer - Ill InnocenceGallhammer
Ill Innocence
Liturgy - AesthethicaLiturgy
Aesthethica
White Ward - Love Exchange FailureWhite Ward
Love Exchange Failure
Altar Of Plagues - MammalAltar Of Plagues
Mammal
Triptykon - Eparistera DaimonesTriptykon
Eparistera Daimones
Ettrick - Sudden Arrhythmic DeathEttrick
Sudden Arrhythmic Death
Blut Aus Nord - HallucinogenBlut Aus Nord
Hallucinogen
Frostmoon Eclipse - Death Is ComingFrostmoon Eclipse
Death Is Coming
Deathspell Omega - ParacletusDeathspell Omega
Paracletus