Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Briqueville - IIII (Pelagic)

Ultime recensioni

Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight
Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis

Briqueville - IIII
Autore: Briqueville
Titolo: IIII
Etichetta: Pelagic
Anno: 2023
Produzione:
Genere: metal / post-metal /

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta IIII





E' strano come un paese non enorme come il Belgio sia popolato di band "post" di qualità. Amenra, Splendidula, Hemelbestormer, Brutus, Psychonaut, Wyatt E., Oathbreaker, Helium Horse Fly sono alcuni nomi che i fan del genere dovrebbero conoscere molto bene come quello dei B R I Q U E V I L L E (si, scritto proprio così) che giungono con IIII al quarto lavoro sulla lunga distanza. Briqueville si fecero notare tre anni fa con l'ottimo "Quelle" che entrò nella mia heavy rotation grazie ad un approccio abbastanza personale al genere "post metal".

"IIII" è un ottimo seguito che pur attingendo all'oscurità progressiva degli Isis periodo post-Panopticon riesce ad intrattenere l'ascoltatore senza ammorbarlo con spallate muscolose ma privilegiando la dilatazione sonora. I riff sono tutti riconoscibili e non giocano con il classico effetto forte/piano epico per incantare i neofiti. Ascoltate lo sviluppo di "Akte XVIII" costruito tutto intorno ad un banalissimo riff ipnotico e che solo alla fine si lascia andare ad il classico headbanging del genere ma senza esagerare nella violenza fine a se stessa.

Briqueville hanno classe e rappresentano al meglio la "nuova wave" post metal assieme a band come Spotlights, in grado di rispettare quello creato dai genitori ma evolvendolo in qualcosa di diverso.

[Dale P.]

Canzoni significative: AKTE XVIII, AKTE XVII.


Questa recensione é stata letta 530 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Briqueville - QuelleBriqueville
Quelle

tAXI dRIVER consiglia

Neurosis - Given To The RisingNeurosis
Given To The Rising
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Spotlights - Alchemy For The DeadsSpotlights
Alchemy For The Deads
Dirge - Elysian Magnetic FieldsDirge
Elysian Magnetic Fields
Neurosis - The Eye Of Every StormNeurosis
The Eye Of Every Storm
Les Discrets - Ariettes OublieesLes Discrets
Ariettes Oubliees
Dragged Into Sunlight - WidowmakerDragged Into Sunlight
Widowmaker
Dead To A Dying World - ElegyDead To A Dying World
Elegy
Spotlights - Love & DecaySpotlights
Love & Decay
Keelhaul - Subject to Change Without NoticeKeelhaul
Subject to Change Without Notice