Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Glass Slipper EP - Burning Brides (V2)


Burning Brides - Glass Slipper EP
Voto:
Etichetta: V2
Anno: 2003
Produzione:
Genere: rock / alternative /
Scheda autore: Burning Brides



I Burning Brides sono la promessa di questo 2003. Si pongono nella stessa scia dei QOTSA. Stesso eclettismo, stesso muoversi nei meandri del rock con estrema disinvoltura. Ricordano tutti e nessuno. L'iniziale Glass Slipper, un mix tra Hellacopters e Gluecifer, può ricordare le esplosioni hardcore delle regine del deserto, ma si mantiene decisamente più controllata. La seconda Blood On The Highway è puro sixties sound. Sembra di sentire i Soundtrack Of Our Lives! Psichedelia morbida e leggera. Overhead Metal Erection ci porta nelle terre desolate del nord-ovest. Piene di creature strane dai nomi tipo Melvins, Mudhoney e Nirvana. Ovviamente i primissimi. Ovviamente sabbathiani. Eclettismo quindi ma anche una discreta genialità. Prendere il suono di gruppi derivativi (i già citati Hellacopters, Gluecifer, Soundtrack Of Our Lives, QOTSA, Melvins, Nirvana e Mudhoney) e renderlo originale non è impresa da poco. Questi tre pezzi ci consegnano una band di assoluta grandezza. Il futuro mi darà ragione?

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte


Questa recensione é stata letta 4807 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Corin Tucker Band - 1000 YearsCorin Tucker Band
1000 Years
Afterhours - Quello Che Non CAfterhours
Quello Che Non C'è
AA.VV. - Vegetable Man Project Vol.2AA.VV.
Vegetable Man Project Vol.2
Chelsea Wolfe - ApokalypsisChelsea Wolfe
Apokalypsis
Melvins - ElectroretardMelvins
Electroretard
Love In Elevator - Venoma EPLove In Elevator
Venoma EP
Jasminshock - 2monkeys Fighting For A BananaJasminshock
2monkeys Fighting For A Banana
(P)itch - Bambina Atomica(P)itch
Bambina Atomica
White Stripes - Get Behind Me SatanWhite Stripes
Get Behind Me Satan
Martin Grech - March Of The LonelyMartin Grech
March Of The Lonely