´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Come To Grief - When The World Dies (Translation Loss)

Ultime recensioni

Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
BrÝi - Corpos TransparentesBrÝi
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Mis■yrming - Me­ HamriMis■yrming
Me­ Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade
Dead Cross - IIDead Cross
II
Just Mustard - Heart UnderJust Mustard
Heart Under
Otoboke Beaver - Super ChamponOtoboke Beaver
Super Champon
Caustic Casanova - Glass Enclosed Nerve CenterCaustic Casanova
Glass Enclosed Nerve Center
The Lovecraft Sextet - MiserereThe Lovecraft Sextet
Miserere
Gaerea - MirageGaerea
Mirage
Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut

Come To Grief - When The World Dies
Titolo: When The World Dies
Etichetta: Translation Loss
Anno: 2022
Produzione: Kurt Ballou
Genere: metal / sludge / doom

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta When The World Dies





Grief sono tra i nomi fondamentali della prima ondata sludge, contemporanei di Eyehategod e Crowbar. Dopo aver pubblicato 5 dischi putrescenti si sono sciolti nel 2001. Si sono riuniti nel 2005 ma a parte un paio di nuove canzoni non Ŕ scattata la scintilla per rimettere il progetto in moto a tempo pieno. Nel 2017 Chuck Conlon (batteria) e Terry Savastano (chitarra) hanno deciso che era tempo di riportare in giro il sound malefico della band e hanno iniziato a farsi chiamare "Come To Grief". Finalmente, a distanza di 5 anni, hanno pubblicato l'atteso debutto "When The World Dies". Atteso ovviamente da parte di una manciata di marci barbuti sdentati che non saranno delusi da questo nuovo dischetto.

Cosa aspettarsi da un gruppo sludge di anzianotti? Groove, riffoni e violenza. Non c'Ŕ nessun orpello che possa distinguere questo disco da un album uscito nel 1995, produzione di Kurt Ballou a parte. La band suona compatta e anche i nuovi elementi svolgono bene il loro compito. Se vi manca il sound sludge originale e avete gradito anche gli ultimi lavori di Eyehategod e Crowbar non lasciatevi scappare "When The World Dies". In caso contrario preparatevi a parecchi mal di testa.

[Dale P.]

Canzoni significative: Death Can't Come Soon Enouth, Scum Like You.


Questa recensione Ú stata letta 225 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Floor - DoveFloor
Dove
Time To Burn - Starting PointTime To Burn
Starting Point
Kylesa - Spiral ShadowKylesa
Spiral Shadow
Akimbo - Navigating The BronzeAkimbo
Navigating The Bronze
Down - III - Over The UnderDown
III - Over The Under
Blacklab - In A Bizarre DreamBlacklab
In A Bizarre Dream
Primitive Man - ImmersionPrimitive Man
Immersion
Overmars - Affliction, Endocrine...VertigoOvermars
Affliction, Endocrine...Vertigo
Pyrithe - Monuments to ImpermanencePyrithe
Monuments to Impermanence
High On Fire - Snakes For The DivineHigh On Fire
Snakes For The Divine