Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Come To Grief - When The World Dies (Translation Loss)

Ultime recensioni

Ashenspire - Hostile ArchitectureAshenspire
Hostile Architecture
Mantar - Pain Is Forever and This Is the EndMantar
Pain Is Forever and This Is the End
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country
Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy
Nebula - Transmission From Mothership EarthNebula
Transmission From Mothership Earth
Viagra Boys - Cave WorldViagra Boys
Cave World
Wormrot - HissWormrot
Hiss
London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1London Odense Ensemble
Jaiyede Sessions Vol. 1
Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable

Come To Grief - When The World Dies
Titolo: When The World Dies
Etichetta: Translation Loss
Anno: 2022
Produzione: Kurt Ballou
Genere: metal / sludge / doom

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta When The World Dies





Grief sono tra i nomi fondamentali della prima ondata sludge, contemporanei di Eyehategod e Crowbar. Dopo aver pubblicato 5 dischi putrescenti si sono sciolti nel 2001. Si sono riuniti nel 2005 ma a parte un paio di nuove canzoni non è scattata la scintilla per rimettere il progetto in moto a tempo pieno. Nel 2017 Chuck Conlon (batteria) e Terry Savastano (chitarra) hanno deciso che era tempo di riportare in giro il sound malefico della band e hanno iniziato a farsi chiamare "Come To Grief". Finalmente, a distanza di 5 anni, hanno pubblicato l'atteso debutto "When The World Dies". Atteso ovviamente da parte di una manciata di marci barbuti sdentati che non saranno delusi da questo nuovo dischetto.

Cosa aspettarsi da un gruppo sludge di anzianotti? Groove, riffoni e violenza. Non c'è nessun orpello che possa distinguere questo disco da un album uscito nel 1995, produzione di Kurt Ballou a parte. La band suona compatta e anche i nuovi elementi svolgono bene il loro compito. Se vi manca il sound sludge originale e avete gradito anche gli ultimi lavori di Eyehategod e Crowbar non lasciatevi scappare "When The World Dies". In caso contrario preparatevi a parecchi mal di testa.

[Dale P.]

Canzoni significative: Death Can't Come Soon Enouth, Scum Like You.


Questa recensione é stata letta 109 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Primitive Man - ImmersionPrimitive Man
Immersion
Firebreather - Under A Blood MoonFirebreather
Under A Blood Moon
Mares Of Thrace - The ExileMares Of Thrace
The Exile
Mistress - The Glory Bitches Of DogheadMistress
The Glory Bitches Of Doghead
Baroness - Red AlbumBaroness
Red Album
Unearthly Trance - The TridentUnearthly Trance
The Trident
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Black Cobra - ChronomegaBlack Cobra
Chronomega
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Rainbow Grave - No YouRainbow Grave
No You