Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Eternal Hails - Darkthrone (Peaceville)

Ultime recensioni

Poppy - FluxPoppy
Flux
Kowloon Walled City - PieceworkKowloon Walled City
Piecework
Slowshine - Living LightSlowshine
Living Light
Unto Others - StrenghtUnto Others
Strenght
Space Afrika - Honest LabourSpace Afrika
Honest Labour
Dead Sara - It AinDead Sara
It Ain't Tragic
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds
XX'ed Out
We All Do Wrong
Damon Locks Black Monument Ensemble - NowDamon Locks Black Monument Ensemble
Now
Angel Bat Dawid - Hush Harbor Mixtape Vol. 1 DoxologyAngel Bat Dawid
Hush Harbor Mixtape Vol. 1 Doxology
Andrew W.K. - God Is PartyingAndrew W.K.
God Is Partying
Hildur Guðnadóttir - Battlefield 2042 SoundtrackHildur Guðnadóttir
Battlefield 2042 Soundtrack
Chubby And The Gang - The MuttChubby And The Gang
The Mutt's Nuts
Amyl And The Sniffers - Comfort To MeAmyl And The Sniffers
Comfort To Me
Low - Hey WhatLow
Hey What
Hooded Menace - The Tritonus BellHooded Menace
The Tritonus Bell
Tropical Fuck Storm - Deep StatesTropical Fuck Storm
Deep States
Halsey - If I Can’t Have Love, I Want PowerHalsey
If I Can’t Have Love, I Want Power
Comet Control - Inside The SunComet Control
Inside The Sun
Dana Dentata - PantychristDana Dentata
Pantychrist

Darkthrone - Eternal Hails
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Peaceville
Anno: 2021
Produzione: Ole Ovstedal, Silje Høgevold
Genere: metal / black metal / doom
Scheda autore: Darkthrone


Ascolta Eternal Hails





Se la copertina dice "Eternal Hails......" il retro risponde "Epic Black Heavy Metal". E questo sotto titolo è più esaustivo di mille recensioni, compresa questa. Nocturno Culto e Fenriz hanno confezionato un disco che mescola l'epicità del metal primitivo (Black Sabbath, Candlemass, Cirith Ungol) con l'oscurità e la malvagità delle prime formazioni underground (Celtic Frost, Hellhammer, Witchfynde). Niente di nuovo quindi. Se avete seguito lo sviluppo sonoro della band ormai sapete che i nostri sono dei custodi della fede, della purezza di certo metal. Non sono più black metal, ma se siete anziani ricorderete che nei primi anni 80 il black metal era già un sotto genere diffuso e indicatore di sonorità grezze, malvagie e putrescenti. I Darkthrone sono lì, incastonati all'incirca tra il 1983 e il 1986. E così si divertono: suonando brani lunghi, semplici ma efficaci.

Nocturno Culto e Fenriz sono due simpatici cinquantenni che invece di suonare i Rolling Stones suonano i Celtic Frost. E a me sta bene.

[Dale P.]

Canzoni significative: Hate Cloak, Lost Arcane City of Uppakra.


Questa recensione é stata letta 137 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Darkthrone - Old StarDarkthrone
Old Star
Darkthrone - Too Old Too Cold EPDarkthrone
Too Old Too Cold EP

tAXI dRIVER consiglia

Ulver - Shadows Of The SunUlver
Shadows Of The Sun
Deathspell Omega - ParacletusDeathspell Omega
Paracletus
Oranssi Pazuzu - KosmonumentOranssi Pazuzu
Kosmonument
Mgla - Age Of ExcuseMgla
Age Of Excuse
Blut Aus Nord - HallucinogenBlut Aus Nord
Hallucinogen
Bríi - Entre Tudo que é Visto e OcultoBríi
Entre Tudo que é Visto e Oculto
Gallhammer - Ill InnocenceGallhammer
Ill Innocence
Wolves In The Throne Room - Primordial ArcanaWolves In The Throne Room
Primordial Arcana
Liturgy - AesthethicaLiturgy
Aesthethica
Darkthrone - Old StarDarkthrone
Old Star