´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Werian - Animist (Eisenwald Tonschmiede)

Ultime recensioni

Oneida - Expensive AirOneida
Expensive Air
Scarcity - The Promise of RainScarcity
The Promise of Rain
Sonic Universe - It Is What It IsSonic Universe
It Is What It Is
Orange Goblin - Science Not FictionOrange Goblin
Science Not Fiction
Crypt Sermon - The Stygian RoseCrypt Sermon
The Stygian Rose
Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains

Werian - Animist
Autore: Werian
Titolo: Animist
Anno: 2019
Produzione:
Genere: metal / black metal / psych

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Il recente "Old Star" dei Darkthrone Ŕ un disco che rispolvera il metal estremo e il doom degli anni 80 per costruire nuovi brani di malvagio black metal primordiale. I tedeschi Werian in un certo senso hanno la stessa intuzione ma facendosi ispirare da musica relativamente pi¨ moderna pur mantenendo quel gusto marcio e putrescente presente nel disco di Fenriz e Nocturno Culto. "Animist" Ŕ composto da tre lunghi brani (tutti abbondantemente sopra i 10 minuti) con suoni e strutture piuttosto particolari. Ad esempio l'iniziale "Hex" potrebbe essere un brano degli Om se fossero venuti su a pane e Mayhem: riff circolari, lento crescendo doom/sludge ed esplosioni black metal. "Blade of Heresy" inizia con una lunga intro arpeggiata per poi deflagare in un marcissimo riff metal/punk con voce sepolcrale. Alcuni stacchi quasi "alternative" (?) porteranno ad una divagazione strumentale pseudo prog con basso in evidenza che sfocia nel classico riff black metal di scuola Euronymous. E non Ŕ ancora finito: la seconda parte comprende una lunga meditazione psichedelica con crescendo alla Hawkwind che termina in furia cieca metal/punk! Pensate che questo minestrone possa suonare indigesto? Forse al primo impatto, ma "Animist" vi catturerÓ ascolto dopo ascolto con la sua atmosfera malsana e la sua palese originalitÓ. Un piccolo classico estremo di questo 2019. Ovviamente registrato in presa diretta completamente in analogico.

[Dale P.]

Canzoni significative: Hex, Blade Of Heresy, March through Ruins.


Questa recensione Ú stata letta 640 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

White Ward - Love Exchange FailureWhite Ward
Love Exchange Failure
Returning - SeverenceReturning
Severence
... And Oceans - As In Gardens, So In Tombs... And Oceans
As In Gardens, So In Tombs
Afsky - Om hundrede ňrAfsky
Om hundrede ňr
Mis■yrming - Me­ HamriMis■yrming
Me­ Hamri
Gaerea - MirageGaerea
Mirage
BrÝi - Corpos TransparentesBrÝi
Corpos Transparentes
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Crawl - DamnedCrawl
Damned
Deathspell Omega - ParacletusDeathspell Omega
Paracletus