Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Elysian Magnetic Fields - Dirge (Division)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Dirge - Elysian Magnetic Fields
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione:
Genere: metal / post-metal / doom



Ascoltando i Dirge (i francesi, da non confondere con i 200 altri "Dirge" americani, tedeschi ecc - che fantasia aggiungerei) non si puo' non tirar in ballo i giganti del post-hardcore Neurosis: le sonorita' rimandano dritte dritte alla band di Oakland, quelle stesse emozioni proto-apocalittiche, ma non quella ostentata da band estreme, fisica, guerresca, o spaziale, o chissa' che cosa, bensi' quell'apocalisse dell'anima, dell'incubo, quell'apocalisse dei sensi, metafisica, del dolore.

Attivi da quasi due decadi, i Dirge danno prova di maestria nel saper giostrarsi, in un tempo in cui questo genere ormai ha mostrato la corda con band tutte uguali tra loro, in un amalgama sonoro di tutto rispetto: influenzati dai maestri si, ma non per questo meri epigoni, anzi pieni di personalita' che li differenzia non poco da tutte quelle altre band che si muovono, senza a conti fatti saper dire nulla, in tale genere. Forti di un sound pieno zeppo di atmosfera quasi maledetta, ascetica, distante, in continuo fluire, disperante: immaginate un uomo, testa china, lacrime solcanti il terreno, silenzioso, con un masso tra le mani, stanco dell'avidita' della vita, che si accinge a raggiungere il fiume piu' vicino, conscio che quest'ultima non possa dargli piu' niente se non altro male, se non altre ingiustizie, pieno zeppo dei suoi stessi errori traboccanti in un muro invalicabile, né tantomeno scalfibile; arrivato a destinazione, fermo sulla riva, rimane a riflettere per cercar qualcosa di almeno rallegrabile che lo distolga da cio' che sta per fare, una speranza, capendo ben presto che quest'ultimo tentativo e' tutt'altro che fondato, anzi, del tutto esente dalla sua intera esistenza. I dirge sono questo, sono disperazione alle stelle, sono soldati che marciano verso la fine, sono l'agonia di un mondo in malora, sono l'antitesi del ben stare, sono pesanti, angoscianti, lenti, rabbiosi, pensosi, quasi filosofici nel mostrare una pelle cosi' stratificata del dolore.

Questo e' il loro quinto lavoro lungo, che segue quel capolavoro a nome “Wings Of Lead Over Dormant Sea” (doppio album, contenente 6 tracce asfissianti, dove l'ultima, contenuta nel secondo dischetto, durava la bellezza di un'ora tonda tonda), ed e' un nuovo passo in avanti, un passo verso la melodia che rende il tutto un tantino piu' digeribile, un nuovo gran lavoro, forse un tantino sotto il precedente (ma forse dico cio' solo perché la stagione in cui mi accingo ad ascoltarlo non e' una delle piu' consone per quanto riguarda tali sonorita'). Non potrei nemmeno fare un track by track, visto la natura prettamente monolitica del lavoro, non saprei dirvi nemmeno dove sta la personalita', so solo dirvi che a differenza di tante altre band del medesimo genere, se chiudessi gli occhi, e qualcuno metterebbe una loro musica a mia insaputa, beh, li riconoscerei senza esitare(ah, ecco dove sta la personalita', nella riconoscibilita').

Elysian Magnetic Fields e' stordente nella sua pesantezza da caterpillar (come tutti gli altri lavori dei qui recensiti), percio' astenetevi dall'ascoltarlo se volete ancora vedere il sole brillare in cielo in questa calda estate che si prospetta, se non volete che le nuvole del subconscio si facciano spazio in voi per sradicarvi l'anima e il cuore dal petto: sono un masochista per quanto riguarda musica, e so che li' fuori tanti altri sono accostabili a me e che se ne fregheranno di questo mio avvertimento per far loro un lavoro che, senza ombra di dubbio, entrera' di diritto nella top ten mia personale di fine anno.

I Dirge sono meravigliosi, punto e basta! e per una volta mi sento di consigliarvi un lavoro che seppur nella sua quasi totale mancanza di originalita', possiede una visione cosi' profonda del tutto da regalarvi un'ora talmente emozionante da non esser facilmente dimenticata; esagero? Son pur sempre le mie sensazioni a parlare no? Adesso smettete di leggere, fatelo vostro, nei modi che ritenete piu' consoni, spegnete tutto, osservate il soffitto, fatelo partire, vi si illustrera' dinnanzi tutta la vita. I dirge sono il suono del domani, e se proprio vorreste leggere qualcosa per dar vita alle immagini che trasuda il disco, prendete un "The road" tra le mani,(capolavoro del Cormac McCarthy di "Non e' un paese per vecchi", illustrante la vita di un padre e un figlio alla ricerca della frescura dell'oceano, in un mondo che ha gia' visto la vera apocalisse, la sua inevitabile fine, imbastito di momenti tetri e cupi e pesantissimi nel delineare il volto di una societa' in preda alla sopravvivenza piu' sfrenata), leggetelo e capirete il vero significato di brivido!

Annichilenti!

[Lucio Leonardi]

Canzoni significative: tutte

Questa recensione é stata letta 2852 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Isis - PanopticonIsis
Panopticon
AA.VV. - Stones From The Sky Neurosound Vol.1AA.VV.
Stones From The Sky Neurosound Vol.1
Spotlights - Love & DecaySpotlights
Love & Decay
Vanessa Van Basten - La Stanza Di SwedenborgVanessa Van Basten
La Stanza Di Swedenborg
Keelhaul - Subject to Change Without NoticeKeelhaul
Subject to Change Without Notice
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Dead To A Dying World - ElegyDead To A Dying World
Elegy
A Storm Of Light - As The Valley Of DeathA Storm Of Light
As The Valley Of Death
Neurosis - Given To The RisingNeurosis
Given To The Rising
Isis - Live 4 Selections 2001-2005Isis
Live 4 Selections 2001-2005