Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Domkraft - Seeds (Prophecy)

Ultime recensioni

Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace
Gouge Away - Deep SageGouge Away
Deep Sage
The Body - & Dis Fig - Orchards of a Futile HeavenThe Body
& Dis Fig - Orchards of a Futile Heaven
Chelsea Wolfe - She Reaches Out To She Reaches Out To SheChelsea Wolfe
She Reaches Out To She Reaches Out To She
Matt Cameron - Gory Scorch CretinsMatt Cameron
Gory Scorch Cretins
Sprints - Letter To SelfSprints
Letter To Self
meth. - Shamemeth.
Shame
Hauntologist - HollowHauntologist
Hollow
Eye Flys - Eye FlyesEye Flys
Eye Flyes
Slift - IlionSlift
Ilion
Flooding - Silhoutte MachineFlooding
Silhoutte Machine
Remote Viewing - Modern AddictionsRemote Viewing
Modern Addictions
High Priest - InvocationHigh Priest
Invocation
Briqueville - IIIIBriqueville
IIII

Domkraft - Seeds
Autore: Domkraft
Titolo: Seeds
Etichetta: Prophecy
Anno: 2021
Produzione: Kalle Lilja, Per Stålberg
Genere: metal / doom / psych

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Dopo aver ospitato nel precedente EP "Slow Fidelity" il caro Mark Lanegan che per la prima volta si è confrontato con un genere heavy come il doom, gli svedesi Domkraft camminano con le proprie gambe con il terzo disco "Seeds", il primo per la Prophency. Gli svedesi non perdono tempo: già la title track, posta in apertura, è uno splendido brano di stoner metal psichedelico carico di potenza che farà smuovere le teste degli ascoltatori. Con "Perpetuator" il tempo si rallenta ma non l'epicità. La voce affoga in un riff pieno di magma: caldo, lento e implacabile. C'è la potenza degli Sleep, la psichedelia degli Hawkwind ma anche l'heavy stoner di scuola svedese. La band si mostra più potente degli amici Greenleaf e Lowrider ma anche più varia dei Slomatics (Marty era ospite nel precedente "Slow Fidelity").

Da più parti è stato definito "Doom Ipnotico": la trovo una definizione azzeccata. "Seeds" dopo avervi scosso il corpo con i primi brani vi friggerà pian pianino il cervello lasciandovi in uno stato di trance e regalandovi una piacevole sensazione di relax. Per aumentare l'esperienza esiste anche una versione con artwork in 3D!

[Dale P.]

Canzoni significative: Seeds, Into Orbit.

Questa recensione é stata letta 590 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Domkraft - Slow FidelityDomkraft
Slow Fidelity
Domkraft - Sonic MoonsDomkraft
Sonic Moons

tAXI dRIVER consiglia

Bloody Panda - SummonBloody Panda
Summon
Yob - AtmaYob
Atma
MSW - ObliviosusMSW
Obliviosus
Devil - Time To RepentDevil
Time To Repent
Domkraft - SeedsDomkraft
Seeds
Esoteric - Paragon Of DissonanceEsoteric
Paragon Of Dissonance
Ramesses - Take The CurseRamesses
Take The Curse
Salome - TerminalSalome
Terminal
Mammoth Weed Wizard Bastard - Yn Ol I AnnwnMammoth Weed Wizard Bastard
Yn Ol I Annwn
Thronehammer - Incantation RitesThronehammer
Incantation Rites