Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Dragged Into Sunlight - Widowmaker (Prosthetic)

Ultime recensioni

Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight
Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis

Dragged Into Sunlight - Widowmaker
Titolo: Widowmaker
Etichetta: Prosthetic
Anno: 2012
Produzione: Tom Dring
Genere: metal / post-metal / sludge

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Dopo il devastante esordio "Hatred For Mankind" gli inglesi Dragged Into Sunlight stupiscono tutti (ovvero 10 persone che sarà più o meno il loro pubblico) con un album formato da un solo brano dalla durata di 40 minuti. In questo modo la band si prende i suoi tempi partendo con un lungo intro chitarra e violino molto introspettivo e cupo. Widowmaker è un album con un autentico approccio progressivo in cui c'è un intro, un crescendo, uno sviluppo, un'esplosione e un finale catartico. Ovviamente però non aspettatevi i Gentle Giant quanto più band come Neurosis, Rwake, Grief e Eyehategod se avessero ospiti i Godspeed You Black Emperor. E' quindi un post-metal sludge piuttosto pesante (quando parte, ovvero circa quindici minuti dopo aver premuto play) urlato senza dignità e suonato a rotta di collo (soprattutto dal batterista).

Il disco è passato abbastanza in sordina, seppur pubblicato da Prosthetic, e diventato un piccolo culto negli anni ma senza essere mai capito in pieno. La fusione delle anime presenti in questo disco rimane ancora oggi unica e con uno sviluppo che non è un semplice esercizio di stile o una semplice ripetizione di un riff circolare. Dragged Into Sunlight sono stati una meteora che ha sfornato due piccoli grandi capolavori di musica estrema: sebbene dovrete fare un po' di fatica per trovarli vedrete che ne varrà la pena!

[Dale P.]

Canzoni significative: Widowmaker.


Questa recensione é stata letta 59 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Dirge - Elysian Magnetic FieldsDirge
Elysian Magnetic Fields
Bongripper - Satan Worshipping DoomBongripper
Satan Worshipping Doom
Ocean, The - PrecambrianOcean, The
Precambrian
Pyreship - Light Is A BarrierPyreship
Light Is A Barrier
Pelican - Pelican EPPelican
Pelican EP
Spotlights - Love & DecaySpotlights
Love & Decay
Pelican - AustralasiaPelican
Australasia
Battle Of Mice - A Day Of NightsBattle Of Mice
A Day Of Nights
Keelhaul - Subject to Change Without NoticeKeelhaul
Subject to Change Without Notice
Kall - BrandKall
Brand