´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner post-metal post-hardcore metal grunge [ rock ] alternative

Some Heavy Oceans - Emma Ruth Rundle (Sargent House)


Emma Ruth Rundle - Some Heavy Oceans
rock / folk / alternative

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Voto utenti (230):

Produzione: Chris Common
Anno: 2014

Scheda autore: Emma Ruth Rundle


Compra Emma Ruth Rundle su Taxi Driver Store


Emma Ruth Rundle e' un piccolo grande talento che sta riscaldando i cuori di coloro che la incrociano.

Un po' di storia: chitarrista nei Red Sparowes; heavy post rock con tre dischi su Neurot, uno su Conspiracy e due split su Robotic Empire uno con con i Grails e l'altro con Gregor Samsa. Per non dimenticare il mitico Triad EP in compagnia di Made Out Of Babies e Battle Of Mice (quanto ci mancano?). Emma arriva alla fine in una formazione che ha visto anche membri di Isis e Halifax Pier tra le sue fila.

Emma e' una chitarrista "post rock": milita anche in Marriages (quasi shoegaze) e Nocturnes (piu' folk), pubblica un disco di droni di chitarra registrati durante il tour dei Marriages e collabora con formazioni amiche (Taiga, Cinder Cone).

Some Heavy Oceans e' pero' una raccolta di canzoni: molto folk, molti arpeggi, parecchio riverbero. Ma, stranamente, piu' che risultare dark alla Chelsea Wolfe e' quasi grunge. Probabilmente sara' la camicia di flanella nella copertina di "Electric Guitar I", o il tour americano in compagnia di King Buzzo ma l'intensita' dell'interpretazione vocale di Emma e' decisamente piu' enfatica e meno sognante delle sue colleghe.

Oltre al curriculum, Emma confeziona un disco ricco di ottime canzoni, a prescindere dai generi. Canzoni in punta di dita, decisamente notturne e avvolgenti suonate in modo raffinato e graffiante.

Un disco che sara' capace di tenervi compagnia a lungo.

[Maso]

Canzoni consigliate: Shadows My Name, Run Forever.

Vota Questo Disco:
Condividi


Questa recensione Ú stata letta 3002 volte!



tAXI dRIVER consiglia

Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans