Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Within Dividia - End, The (Relapse)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

End, The - Within Dividia
Voto:
Etichetta: Relapse
Anno: 2004
Produzione:
Genere: metal / progressive / post-hardcore
Scheda autore: End, The

MP3: Dear Martyr
Fetesque


C'è un problema di fondo nei gruppi post-hardcore: sai già come suonano. Il problema sussiste in tutti i generi, è vero, ma, essendo un tipo di musica relativamente nuovo non è tanto bello. Ma la cosa più complessa è cercare di spiegare le differenze fra una band e un'altra. Che ci sono, senza dubbio, ma si annidano tra i tum-pa tum-pa, le urla disumane, le scale velocissime e gli stacchi senza senso. Questi The End, a dire il vero, non mi entusiasmano più di tanto. Sono selvaggi, picchiano duro, sono bravi ma non mi dicono un granchè. La produzione sembra quella di un normale gruppo black metal, la confusione regna sovrana, il cantante non stà zitto neanche se lo prendono a calci: sembra una bestia impazzita che vuole uscire dalla gabbia per mangiarvi in un solo boccone. Queste cose poi, possono pure trasformarsi in pregi, dipende dai punti di vista, ma, sinceramente, sono cose che non possono portarmi a spendere i 20€ per l'acquisto dell'album. Brani come lo strumentale "The Sense Of Reverence" hanno grande classe ma spesso la band cade nel grande calderone della prevedibilità. E per un gruppo post-hardcore è un grandissimo errore. Lo stupore e l'urgenza devono essere i due comandamenti del genere. "The End" rimandati.

[Dale P.]

Canzoni significative: Fetesque, The Sense Of Reverence, Orthodox Unparalleled.

Questa recensione é stata letta 3111 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

End, The - ElementaryEnd, The
Elementary
End, The - Transfer Trachea Reverberations From PointEnd, The
Transfer Trachea Reverberations From Point

NEWS


02/11/2006 Nuovo Album A Febbraio

tAXI dRIVER consiglia

Meshuggah - ObzenMeshuggah
Obzen
Sadist - SadistSadist
Sadist
Into The Moat - The DesignInto The Moat
The Design
Intronaut - VoidIntronaut
Void
Dysrhythmia - PretestDysrhythmia
Pretest
Apiary - Lost In FocusApiary
Lost In Focus
Meshuggah - ChaosphereMeshuggah
Chaosphere
1980 - 19801980
1980
Dysrhythmia - Terminal TresholdDysrhythmia
Terminal Treshold
Behold...The Arctopus - Nano-Nucleonic Cyborg SummoningBehold...The Arctopus
Nano-Nucleonic Cyborg Summoning