Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

End, The - Within Dividia (Relapse)

Ultime recensioni

Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog
Bummer - Dead HorseBummer
Dead Horse
Marissa Nadler - The Path Of The CloudsMarissa Nadler
The Path Of The Clouds
Vanishing Twin - Ookii GekkouVanishing Twin
Ookii Gekkou
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
Chevelle - NiratiasChevelle
Niratias
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
The Bug - FireThe Bug
Fire
Nala Sinephro - Space 1.8Nala Sinephro
Space 1.8
Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim
Jerusalem In My Heart - QalaqJerusalem In My Heart
Qalaq
Limp Bizkit - Still SucksLimp Bizkit
Still Sucks

End, The - Within Dividia
Autore: End, The
Titolo: Within Dividia
Etichetta: Relapse
Anno: 2004
Produzione:
Genere: metal / progressive / post-hardcore

Voto:

MP3: Dear Martyr
Fetesque


C'è un problema di fondo nei gruppi post-hardcore: sai già come suonano. Il problema sussiste in tutti i generi, è vero, ma, essendo un tipo di musica relativamente nuovo non è tanto bello. Ma la cosa più complessa è cercare di spiegare le differenze fra una band e un'altra. Che ci sono, senza dubbio, ma si annidano tra i tum-pa tum-pa, le urla disumane, le scale velocissime e gli stacchi senza senso. Questi The End, a dire il vero, non mi entusiasmano più di tanto. Sono selvaggi, picchiano duro, sono bravi ma non mi dicono un granchè. La produzione sembra quella di un normale gruppo black metal, la confusione regna sovrana, il cantante non stà zitto neanche se lo prendono a calci: sembra una bestia impazzita che vuole uscire dalla gabbia per mangiarvi in un solo boccone. Queste cose poi, possono pure trasformarsi in pregi, dipende dai punti di vista, ma, sinceramente, sono cose che non possono portarmi a spendere i 20€ per l'acquisto dell'album. Brani come lo strumentale "The Sense Of Reverence" hanno grande classe ma spesso la band cade nel grande calderone della prevedibilità. E per un gruppo post-hardcore è un grandissimo errore. Lo stupore e l'urgenza devono essere i due comandamenti del genere. "The End" rimandati.

[Dale P.]

Canzoni significative: Fetesque, The Sense Of Reverence, Orthodox Unparalleled.

Questa recensione é stata letta 3191 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

End, The - ElementaryEnd, The
Elementary
End, The - Transfer Trachea Reverberations From PointEnd, The
Transfer Trachea Reverberations From Point

NEWS


02/11/2006 Nuovo Album A Febbraio

tAXI dRIVER consiglia

Mass, The - Perfect Picture Of Wisdom And BoldnessMass, The
Perfect Picture Of Wisdom And Boldness
Into The Moat - The DesignInto The Moat
The Design
Dysrhythmia - Barriers And PassagesDysrhythmia
Barriers And Passages
Dysrhythmia - Terminal TresholdDysrhythmia
Terminal Treshold
Blood Incantation - Hidden History Of Human RaceBlood Incantation
Hidden History Of Human Race
Ephel Duath - Pain Necessary To KnowEphel Duath
Pain Necessary To Know
Sadist - SadistSadist
Sadist
Fredrik ThordendalFredrik Thordendal's Special Defects
Sol Niger Within
Test Switch Isolator - LetTest Switch Isolator
Let's Dance
1980 - 19801980
1980