Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Ill Innocence - Gallhammer (Peaceville)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Gallhammer - Ill Innocence
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Peaceville
Anno: 2007
Produzione: Makota Fujishima
Genere: metal / black metal / thrash
Scheda autore: Gallhammer



Parliamoci chiaro: se scrivo che LE Gallhammer sono un trio di ragazze giapponesi dedite al culto del black metal non le state inserendo senza pensarci due volte nella vostra personale lista di band preferite di tutti i tempi?

Per di più citanti già nel moniker (massì parliamo come nelle riviste metal!) gli dèi massimi del black metal primigenio ovvero gli Hellhammer di Tom G. Warrior successivamente nei mitici Celtic Frost?

Ma ascoltando con attenzione "Ill Innocence" il nostro entusiasmo non verrà mitigato dalle qui presenti sonorità brutali ma ingenue, malate ma al confine con il trash (non il genere eh?), chitarre bassissime e grezze come non si sentivano da Ozma dei Melvins, senso del tempo tendente al doom e all'alternative più che alle cavalcate da doppio pedale e un songwriting sbilenco ma dannatamente incisivo.

Musica che si prende sul serio ma non troppo, quasi quanto un film di Sam Raimi, che sembra uscire da una oscura etichetta di vent'anni fa (o anche più) quando pose metal erano sinonimo di rock grezzo e puzzolente e non di fighette che cantano in falsetto.

Lunga vita alle Gallhammer, regine incontraste del vero metal. Black o meno non importa...

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.


Questa recensione é stata letta 4029 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


25/04/2011 Nuovo Album a Maggio

tAXI dRIVER consiglia

Ulver - Shadows Of The SunUlver
Shadows Of The Sun
Mizmor - CairnMizmor
Cairn
Werian - AnimistWerian
Animist
Shining - Black JazzShining
Black Jazz
Blut Aus Nord - HallucinogenBlut Aus Nord
Hallucinogen
Liturgy - H.A.Q.Q.Liturgy
H.A.Q.Q.
Oranssi Pazuzu - KosmonumentOranssi Pazuzu
Kosmonument
Altar Of Plagues - MammalAltar Of Plagues
Mammal
Gallhammer - Ill InnocenceGallhammer
Ill Innocence
Deathspell Omega - The Furnaces Of PalingenesiaDeathspell Omega
The Furnaces Of Palingenesia