Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Ken Mode - Null (Artoffact)

Ultime recensioni

Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace
Gouge Away - Deep SageGouge Away
Deep Sage
The Body - & Dis Fig - Orchards of a Futile HeavenThe Body
& Dis Fig - Orchards of a Futile Heaven
Chelsea Wolfe - She Reaches Out To She Reaches Out To SheChelsea Wolfe
She Reaches Out To She Reaches Out To She
Matt Cameron - Gory Scorch CretinsMatt Cameron
Gory Scorch Cretins
Sprints - Letter To SelfSprints
Letter To Self
meth. - Shamemeth.
Shame
Hauntologist - HollowHauntologist
Hollow
Eye Flys - Eye FlyesEye Flys
Eye Flyes
Slift - IlionSlift
Ilion
Flooding - Silhoutte MachineFlooding
Silhoutte Machine
Remote Viewing - Modern AddictionsRemote Viewing
Modern Addictions
High Priest - InvocationHigh Priest
Invocation
Briqueville - IIIIBriqueville
IIII

Ken Mode - Null
Autore: Ken Mode
Titolo: Null
Etichetta: Artoffact
Anno: 2022
Produzione: Andrew Schneider
Genere: rock / noise / post-hardcore

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Null





Ridendo (poco) e scherzando (ancora meno) sono 20 anni che i Ken Mode distruggono i timpani con dischi devastanti. I primi lavori fiorivano nel periodo d'oro del post-hardcore metallizzato mostrando fin da subito di non essere una band da quattro soldi. Dal primo disco "Mongrel", che vedeva l'artwork curato da sua maestà Aaron Turner così come i successivi tre, la band si è mossa con grande personalità nel difficile terreno "post" con ricche dosi di noise e sludge senza mai cercare la soluzione facile, anzi.

Passati su svariate etichette 20 anni dopo sono ancora qui e non mollano niente. "Null", mostra in campo il nuovo membro Kathryn Kerr ad occuparsi di sassofono, piano e synth. State tranquilli: non sono diventati un gruppo con il sassofono in prima fila. Non sarebbe stato un male ma non è quello che richiediamo a loro. Qui c'è tanto odio, dolore, frustrazione come fosse una malsana jam fra Neurosis e Unsane che raggiunge la perfezione nella gigantesca "Lost Grip", un bad trip di 10 minuti.

Con l'invecchiamento dei maestri i Ken Mode rischiano di rubargli lo scettro e diventare i veri re di una scena che ha sempre bisogno di nuovi eroi. Se li avete sottovalutati in passato (male) avrete di che ricredervi.

[Dale P.]

Canzoni significative: Lost Grip, A Love Letter


Questa recensione é stata letta 410 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Ken Mode - VenerableKen Mode
Venerable

Live Reports

20/04/2023TilburgRoadburn Festival 2023
23/09/2023PortoAmplifest

NEWS


10/06/2022 Ad Ottobre "Null"
03/05/2022 Nuova Formazione

tAXI dRIVER consiglia

Ken Mode - VenerableKen Mode
Venerable
61 Winter61 Winter's Hat
Wallace Mail Series 5
Gebbia, Ligeti, Pupillo - The Williamsburg SonatasGebbia, Ligeti, Pupillo
The Williamsburg Sonatas
Melvins - A Senile AnimalMelvins
A Senile Animal
Bellini - Small StonesBellini
Small Stones
Tropical Trash - Southern Indiana Drone FootageTropical Trash
Southern Indiana Drone Footage
XX'ed Out
We All Do Wrong
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country
Tropical Fuck Storm - BraindropsTropical Fuck Storm
Braindrops
Dead Elephant - Sing The Separation EPDead Elephant
Sing The Separation EP