Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Ken Mode - Null (Artoffact)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Ken Mode - Null
Autore: Ken Mode
Titolo: Null
Etichetta: Artoffact
Anno: 2022
Produzione: Andrew Schneider
Genere: rock / noise / post-hardcore

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Null





Ridendo (poco) e scherzando (ancora meno) sono 20 anni che i Ken Mode distruggono i timpani con dischi devastanti. I primi lavori fiorivano nel periodo d'oro del post-hardcore metallizzato mostrando fin da subito di non essere una band da quattro soldi. Dal primo disco "Mongrel", che vedeva l'artwork curato da sua maestà Aaron Turner così come i successivi tre, la band si è mossa con grande personalità nel difficile terreno "post" con ricche dosi di noise e sludge senza mai cercare la soluzione facile, anzi.

Passati su svariate etichette 20 anni dopo sono ancora qui e non mollano niente. "Null", mostra in campo il nuovo membro Kathryn Kerr ad occuparsi di sassofono, piano e synth. State tranquilli: non sono diventati un gruppo con il sassofono in prima fila. Non sarebbe stato un male ma non è quello che richiediamo a loro. Qui c'è tanto odio, dolore, frustrazione come fosse una malsana jam fra Neurosis e Unsane che raggiunge la perfezione nella gigantesca "Lost Grip", un bad trip di 10 minuti.

Con l'invecchiamento dei maestri i Ken Mode rischiano di rubargli lo scettro e diventare i veri re di una scena che ha sempre bisogno di nuovi eroi. Se li avete sottovalutati in passato (male) avrete di che ricredervi.

[Dale P.]

Canzoni significative: Lost Grip, A Love Letter


Questa recensione é stata letta 446 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Ken Mode - VenerableKen Mode
Venerable

Live Reports

20/04/2023TilburgRoadburn Festival 2023
23/09/2023PortoAmplifest

NEWS


10/06/2022 Ad Ottobre "Null"
03/05/2022 Nuova Formazione

tAXI dRIVER consiglia

Blonde Redhead - Melody Of Certain Damaged LemonsBlonde Redhead
Melody Of Certain Damaged Lemons
Tropical Fuck Storm - BraindropsTropical Fuck Storm
Braindrops
Blonde Redhead - Melodie CitroniqueBlonde Redhead
Melodie Citronique
Arabrot - Solar AnusArabrot
Solar Anus
Theramin - We Were GladiatorsTheramin
We Were Gladiators
Permanent Fatal Error - Law SpeedPermanent Fatal Error
Law Speed
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
Bunuel - Killers Like UsBunuel
Killers Like Us
Zu - Live In HelsinkiZu
Live In Helsinki