´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Kings Of Leon - Only By The Night (RCA)

Ultime recensioni

Briqueville - IIIIBriqueville
IIII
Rid Of Me - Access To The LonelyRid Of Me
Access To The Lonely
Green Lung - This Heathen LandGreen Lung
This Heathen Land
Ragana - DesolationRagana
Desolation's Flower
Reverend Kristin Michael Hayter - Saved!Reverend Kristin Michael Hayter
Saved!
Svalbard - The Weight Of The MaskSvalbard
The Weight Of The Mask
Wolves In The Throne Room - Crypt of Ancestral KnowledgeWolves In The Throne Room
Crypt of Ancestral Knowledge
Boris - & Uniform - Bright New DiseaseBoris
& Uniform - Bright New Disease
Paroxysm Unit - Fragmentation StratagemParoxysm Unit
Fragmentation Stratagem
Agriculture - AgricultureAgriculture
Agriculture
Blodet - Death MotherBlodet
Death Mother
Maggot Heart - HungerMaggot Heart
Hunger
Blood Incantation - Luminescent BridgeBlood Incantation
Luminescent Bridge
Grails - Anches En MaatGrails
Anches En Maat
Kvelertak - EndlingKvelertak
Endling
Graveyard - 6Graveyard
6
Great Falls - Objects Without PainGreat Falls
Objects Without Pain
Brad - In The Moment That YouBrad
In The Moment That You're Born
Persekutor - Snow BusinessPersekutor
Snow Business
Domkraft - Sonic MoonsDomkraft
Sonic Moons

Kings Of Leon - Only By The Night
Titolo: Only By The Night
Anno: 2008
Produzione: Angelo Petraglia
Genere: rock / pop / soul

Voto:



Bravi i Kings of Leon. Bravi a venir fuori alla distanza, senza il botto clamoroso del primo album seguito da nulla o poco piu' (vedi Arctic Monkeys, Bloc Party e compagnia bella).

Le band tutte in famiglia mi lasciano sempre un po' perplesso (sara' che i primi a venirmi in mente sono sempre i Jackson Five....) invece, i tre fratelli Followill (+ cugino) risultano, sul mio personalissimo taccuino, tra le rock band piu' significative e credibili dei primi dieci anni del nuovo millenio (non che la concorrenza sia irresistibile).

Assolutamente meritevole di ben piu' di un ascolto, il loro secondo lavoro "Aha shake heartbreak", piu' scialbo il successore "Because of the times", i Kings of Leon tornano su ottimi livelli con quest'ultimo disco.

Non sono innovatori, questo e' sicuro, ma almeno non siamo di fronte al solito imbarazzante scimmiottamento degli anni 80, tanto di moda in questo periodo.

Come la loro carriera, anche questo album cresce alla distanza, dopo qualche ascolto: a momenti di sonoritÓ blues venate di psichedelia si intrecciano momenti che pescano dal sottobosco grunge dei primi anni novanta (vedi Soul Asylum, Candlebox, Counting Crows).

Un po' banalotto, ma ascoltabile, il primo singolo, "Sex on fire": una scorribanda rock buona per le gite in macchina; vere e proprie perle "Crawl" (con un'atmosfera da sudicio rock club americano) e "Notion", dove la voce di Caleb Followill, acida e soul, e' ispiratissima e mostra tutti i progressi rispetto agli esordi.

Splendida e sofferente la conclusiva "Cold Desert", in cui ricorre l'atmosfera malinconica che permea gran parte del disco.

Ottima band anche dal vivo (tutto da vedere su YouTube il duetto con Eddie Vedder su "Slow Night, so long").

[Francesco Traverso]

Canzoni significative: "Crawl", "Notion", "Cold Desert".

Questa recensione Ú stata letta 3062 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

15/07/2004GenovaGoa Boa 2004

tAXI dRIVER consiglia

Nick Cave - No More Shall We PartNick Cave
No More Shall We Part
Paul McCartney - Chaos And Creation In The Back YardPaul McCartney
Chaos And Creation In The Back Yard
Velvet Underground - White Light White HeatVelvet Underground
White Light White Heat
Nick Cave - Murder BalladsNick Cave
Murder Ballads
Sleepy Jackson - PersonalitySleepy Jackson
Personality
Subsonica - Cielo Tangenziale Ovest DVDSubsonica
Cielo Tangenziale Ovest DVD
Joe Strummer - StreetcoreJoe Strummer
Streetcore
Oasis - Don t Believe The TruthOasis
Don t Believe The Truth
Lou Reed - BerlinLou Reed
Berlin
Jeff Buckley - Live AlJeff Buckley
Live Al'Olympia