Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

The Libertines - Libertines, The (Rough Trade)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Libertines, The - The Libertines
Voto:
Etichetta: Rough Trade
Anno: 2004
Produzione:
Genere: rock / alternative /
Scheda autore: Libertines, The



Ascoltando un album si può prescindere da tutto quello che si muove attorno ad esso? Può risultare inutile parlare delle vicissitudini se queste hanno contribuito a plasmare l'identità di un album o del gruppo stesso?? Ma è utile ripetere per la miliardesima volta la storia del furto in casa, della galera, delle droghe, della band allo sbando e della tendenza all'autodistruzione?? Bene, queste cose le sapete già (e se non le conoscete andatevele a leggere da qualche altra parte!) e sappiate che fondano la struttura stessa del secondo album della band più chiacchierata d'Inghilterra.

Che i Libertines siano (a parere di chi scrive, sia chiaro) la migliore band inglese dai tempi dei La's se ne evince ascoltando ogni nota di questo album omonimo. Chi li conosce bene e li apprezza capisce al volo che le chiacchiere su di loro sono tutte reali. Il primo album era un capolavoro di obliquità. Le canzoni ruzzolavano come fa un ubriaco quando cerca di tornare a casa. L'album della consacrazione (perlomeno mediatica) è un tentativo di ripresa fallito miseramente. I nostri sono ancora ubriachi e cercano pure di convincerci di non esserlo!!!

Splendido nella sua depravazione, nell'aria da disco per bene che maschera perversioni disumane (i nostri sono "libertini" mica per niente!), nel suo essere canticchiabile come un canto da osteria qualsiasi innescato da qualche ubriaco solitario e triste.

I Libertines sono fantastici nella loro instabilità, nella loro indolenza ma anche per la capacità di creare brani semplici e immortali. E se produce Mick Jones un motivo ci sarà!

[Dale P.]

Canzoni significative: Can't Stand Me Now, The Man Would Be King, What Katie Did.

Questa recensione é stata letta 3069 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Libertines, The - Up The BracketLibertines, The
Up The Bracket

Live Reports

04/09/2004BolognaIndipendent Days Festival

NEWS


25/02/2005 Deliri e Anticipazioni

tAXI dRIVER consiglia

Oceansize - FramesOceansize
Frames
AA.VV. - Mescal.itAA.VV.
Mescal.it
Santo Niente - Il Fiore DellSanto Niente
Il Fiore Dell'Agave
Mondo Generator - A Drug Problem That Never ExistedMondo Generator
A Drug Problem That Never Existed
Martin Grech - March Of The LonelyMartin Grech
March Of The Lonely
Yeah Yeah Yeahs - Fever To TellYeah Yeah Yeahs
Fever To Tell
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Chelsea Wolfe - ApokalypsisChelsea Wolfe
Apokalypsis
Melissa Auf Der Maur - Auf Der MaurMelissa Auf Der Maur
Auf Der Maur
Afterhours - Quello Che Non CAfterhours
Quello Che Non C'è