Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Wavering On The Cresting Heft - MGR (Conspiracy Records)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

MGR - Wavering On The Cresting Heft
Voto:
Anno: 2007
Produzione: Alap Momin
Genere: rock / post-rock / experimental



Dietro l'acronimo MGR si cela Mike Gallagher, chitarrista degli Isis, qui alle prese, se vogliamo, con la componente più diluita ed ambientale del patrimonio genetico della sua band madre. Giunto al secondo lavoro (il primo è dello scorso anno, “Nova Lux”), Gallagher esplora sentieri in continua rarefazione, servendosi di lievi drones (nell'incipit della cerimoniale “The Night Spills, Wide And Open” che riecheggia un po' lo Steve Von Till in veste Harvestman, in alcuni frangenti centrali di “And It Falls By The Gallon”, nel sottobosco di “It Darkens His Door”) ed elaborando temi armonici accostabili al post-rock (“Equilibrium” fa da eco ai Red Sparowes). Nessuna incursione percussiva, le sei composizioni di “Wavering The Cresting Heft” levitano leggere su tappeti invisibili, in una miscela di contemplazione e riflessione. In certi punti si tocca la stasi meditativa dei Popol Vuh ma in una sorta di ode ad ampi ambienti avvolti nella penombra con architetture scarne e minimaliste, trame intessute principalmente su reticoli di chitarre, ma nemmeno poi tanto fitti. Chi ama un certo modo di intendere la musica, ovvero quella impalpabile e “anti-gravitazionale”, può farci un pensierino. E probabilmente non ne resterà deluso.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: The Night Spills, Wide And Open; It Darkens His Door; Equilibrium.


Questa recensione é stata letta 2559 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

LL'Altra
In The Afternoon
Sigur Ros - Hvarf/HeimSigur Ros
Hvarf/Heim
Slint - SpiderlandSlint
Spiderland
Giardini Di Mirò - Rise And Fall Of Academic DriftingGiardini Di Mirò
Rise And Fall Of Academic Drifting
Don Caballero - What Burns Never ReturnsDon Caballero
What Burns Never Returns
Low - Things We Lost In The FireLow
Things We Lost In The Fire
Vanessa Van Basten - Vanessa Van BastenVanessa Van Basten
Vanessa Van Basten
Nadja - AutopergameneNadja
Autopergamene
Sigur Ros - Með Suð I Eyrum Við Spilum EndalaustSigur Ros
Með Suð I Eyrum Við Spilum Endalaust
Karate - Cancel/SingKarate
Cancel/Sing