Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Made Out Of Babies - The Ruiner (The End)

Ultime recensioni

Gaerea - MirageGaerea
Mirage
Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising

Made Out Of Babies - The Ruiner
Autore: Made Out Of Babies
Titolo: The Ruiner
Anno: 2008
Produzione: Andrew Schneider
Genere: rock / noise / post-metal

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Compra Made Out Of Babies su Taxi Driver Store


Giunti velocemente al terzo album i Made Out Of Babies non sono più una promessa ma una band da glorificare e basta. Tre dischi imperdibili, rivolti per lo più ad un pubblico di postcorers ma in realtà con poco e niente da spartire con la scena "Neurosis-dipendente". Svincolati da Neurot (a causa della rottura fra Julie e Josh Graham, visual della band di VonTill?) e da Steve Albini che li aiutò a forgiare e a personalizzare un suono debitore di Jesus Lizard e delle band Amphetamine Reptile in genere, i Made Out Of Babies confezionano il loro album più personale e per certi versi più a fuoco. Forse meno malato ma decisamente più gradevole da ascoltare, eccitante nei suoi passaggi più riusciti e con una band più sicura di sè e meno ai servizi della comunque incontenibile cantante Julie.

Certamente la differenza la fanno sempre i vocalizzi deviati di Julie, ma attualmente solo i Made Out Of Babies suonano così. Moderni ma ancorati al meglio degli anni 90, come se fosse possibile un mondo popolato nello stesso tempo da Baroness e da Jesus Lizard ancora incazzati.

Non un'attimo di pausa, non un cedimento ma soprattutto nessun riempitivo.

Chi pensava che i nostri "da soli" avrebbero perso carisma si sbagliava di grosso, e non dovranno stupirsi se entro breve tempo si parlerà di loro come una band enorme. Per ora chi li ha ascoltati non ha potuto fare a meno di amarli, perchè è veramente dura trovare tuttoggi dei difetti in una simile proposta. Ascoltateli, amateli e spargete la voce.

[Dale P.]

Canzoni significative: Invisible Ink, The Major.

Questa recensione é stata letta 3054 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Made Out Of Babies - CowardMade Out Of Babies
Coward
Made Out Of Babies - TrophyMade Out Of Babies
Trophy

Live Reports

18/11/2006LondraForum

NEWS


14/03/2012 Sciolti
30/06/2010 Disco Solista di Julie Christmas

tAXI dRIVER consiglia

Tropical Trash - Southern Indiana Drone FootageTropical Trash
Southern Indiana Drone Footage
Metz - Atlas VendingMetz
Atlas Vending
Sugar Horse - The Live Long AfterSugar Horse
The Live Long After
Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Anatrofobia - Tesa Musica MarginaleAnatrofobia
Tesa Musica Marginale
Ils - CurseIls
Curse
AA.VV. - FragmentsAA.VV.
Fragments
Sonic Youth - Rather RippedSonic Youth
Rather Ripped
Oginoknaus - OginoknausOginoknaus
Oginoknaus
Uncode Duello - Uncode DuelloUncode Duello
Uncode Duello