Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

The Ruiner - Made Out Of Babies (The End)

Ultime recensioni

AA.VV. - What Is This That Stands Before Me?AA.VV.
What Is This That Stands Before Me?
Deafbrick - DeafbrickDeafbrick
Deafbrick
Irreversible Entanglements - Who Sent You?Irreversible Entanglements
Who Sent You?
Jeff Parker - Suite For Max BrownJeff Parker
Suite For Max Brown
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome
L.A.Witch - Play With FireL.A.Witch
Play With Fire
Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Kall - BrandKall
Brand
Boris - NOBoris
NO
Phoebe Bridgers - PunisherPhoebe Bridgers
Punisher
Ils - CurseIls
Curse
Motorpsycho - The All Is OneMotorpsycho
The All Is One
Bully - SugareggBully
Sugaregg
Lina Rodrigues Refree - Lina_Raül RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_Raül Refree
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Household God - Palace IntrigueHousehold God
Palace Intrigue
A.A. Williams - Forever BlueA.A. Williams
Forever Blue
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates
Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death

Made Out Of Babies - The Ruiner
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2008
Produzione: Andrew Schneider
Genere: rock / noise / post-metal
Scheda autore: Made Out Of Babies


Compra Made Out Of Babies su Taxi Driver Store


Giunti velocemente al terzo album i Made Out Of Babies non sono più una promessa ma una band da glorificare e basta. Tre dischi imperdibili, rivolti per lo più ad un pubblico di postcorers ma in realtà con poco e niente da spartire con la scena "Neurosis-dipendente". Svincolati da Neurot (a causa della rottura fra Julie e Josh Graham, visual della band di VonTill?) e da Steve Albini che li aiutò a forgiare e a personalizzare un suono debitore di Jesus Lizard e delle band Amphetamine Reptile in genere, i Made Out Of Babies confezionano il loro album più personale e per certi versi più a fuoco. Forse meno malato ma decisamente più gradevole da ascoltare, eccitante nei suoi passaggi più riusciti e con una band più sicura di sè e meno ai servizi della comunque incontenibile cantante Julie.

Certamente la differenza la fanno sempre i vocalizzi deviati di Julie, ma attualmente solo i Made Out Of Babies suonano così. Moderni ma ancorati al meglio degli anni 90, come se fosse possibile un mondo popolato nello stesso tempo da Baroness e da Jesus Lizard ancora incazzati.

Non un'attimo di pausa, non un cedimento ma soprattutto nessun riempitivo.

Chi pensava che i nostri "da soli" avrebbero perso carisma si sbagliava di grosso, e non dovranno stupirsi se entro breve tempo si parlerà di loro come una band enorme. Per ora chi li ha ascoltati non ha potuto fare a meno di amarli, perchè è veramente dura trovare tuttoggi dei difetti in una simile proposta. Ascoltateli, amateli e spargete la voce.

[Dale P.]

Canzoni significative: Invisible Ink, The Major.

Questa recensione é stata letta 2866 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Ascolta Il Disco




Altre Recensioni

Made Out Of Babies - CowardMade Out Of Babies
Coward
Made Out Of Babies - TrophyMade Out Of Babies
Trophy

Live Reports

18/11/2006LondraForum

NEWS


14/03/2012 Sciolti
30/06/2010 Disco Solista di Julie Christmas

tAXI dRIVER consiglia

Made Out Of Babies - The RuinerMade Out Of Babies
The Ruiner
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies
Theramin - We Were GladiatorsTheramin
We Were Gladiators
Dead Elephant - Lowest Shared DescentDead Elephant
Lowest Shared Descent
Sonic Youth - Murray StreetSonic Youth
Murray Street
Lucertulas - Tragol De RovaLucertulas
Tragol De Rova
Unsane - WreckUnsane
Wreck
Bellini - Small StonesBellini
Small Stones
Permanent Fatal Error - Law SpeedPermanent Fatal Error
Law Speed
61 Winter61 Winter's Hat
Wallace Mail Series 5