Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Made Out Of Babies - The Ruiner (The End)

Ultime recensioni

Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable
Come To Grief - When The World DiesCome To Grief
When The World Dies
Sirom - The Liquified Throne of SimplicitySirom
The Liquified Throne of Simplicity
Deathbell - A Nocturnal CrossingDeathbell
A Nocturnal Crossing
Wucan - Heretic TonguesWucan
Heretic Tongues
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Blut Aus Nord - Disharmonium - Undreamable AbyssesBlut Aus Nord
Disharmonium - Undreamable Abysses
Emma Ruth Rundle - EG2 Dowsing VoiceEmma Ruth Rundle
EG2 Dowsing Voice
Wyatt E. - Al Beluti DaruWyatt E.
Al Beluti Daru
Wo Fat - The SingularityWo Fat
The Singularity

Made Out Of Babies - The Ruiner
Autore: Made Out Of Babies
Titolo: The Ruiner
Anno: 2008
Produzione: Andrew Schneider
Genere: rock / noise / post-metal

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Compra Made Out Of Babies su Taxi Driver Store

Ascolta The Ruiner





Giunti velocemente al terzo album i Made Out Of Babies non sono più una promessa ma una band da glorificare e basta. Tre dischi imperdibili, rivolti per lo più ad un pubblico di postcorers ma in realtà con poco e niente da spartire con la scena "Neurosis-dipendente". Svincolati da Neurot (a causa della rottura fra Julie e Josh Graham, visual della band di VonTill?) e da Steve Albini che li aiutò a forgiare e a personalizzare un suono debitore di Jesus Lizard e delle band Amphetamine Reptile in genere, i Made Out Of Babies confezionano il loro album più personale e per certi versi più a fuoco. Forse meno malato ma decisamente più gradevole da ascoltare, eccitante nei suoi passaggi più riusciti e con una band più sicura di sè e meno ai servizi della comunque incontenibile cantante Julie.

Certamente la differenza la fanno sempre i vocalizzi deviati di Julie, ma attualmente solo i Made Out Of Babies suonano così. Moderni ma ancorati al meglio degli anni 90, come se fosse possibile un mondo popolato nello stesso tempo da Baroness e da Jesus Lizard ancora incazzati.

Non un'attimo di pausa, non un cedimento ma soprattutto nessun riempitivo.

Chi pensava che i nostri "da soli" avrebbero perso carisma si sbagliava di grosso, e non dovranno stupirsi se entro breve tempo si parlerà di loro come una band enorme. Per ora chi li ha ascoltati non ha potuto fare a meno di amarli, perchè è veramente dura trovare tuttoggi dei difetti in una simile proposta. Ascoltateli, amateli e spargete la voce.

[Dale P.]

Canzoni significative: Invisible Ink, The Major.

Questa recensione é stata letta 3015 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Made Out Of Babies - CowardMade Out Of Babies
Coward
Made Out Of Babies - TrophyMade Out Of Babies
Trophy

Live Reports

18/11/2006LondraForum

NEWS


14/03/2012 Sciolti
30/06/2010 Disco Solista di Julie Christmas

tAXI dRIVER consiglia

Lightning Bolt - Sonic CitadelLightning Bolt
Sonic Citadel
Part Chimp - DroolPart Chimp
Drool
Sugar Horse - The Live Long AfterSugar Horse
The Live Long After
Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Arabrot - Solar AnusArabrot
Solar Anus
Psychic Paramount - IIPsychic Paramount
II
Uncode Duello - Uncode DuelloUncode Duello
Uncode Duello
Ils - CurseIls
Curse
Big Black - AtomizerBig Black
Atomizer
Buñuel - Killers Like UsBuñuel
Killers Like Us