Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Marissa Nadler - The Path Of The Clouds (Sacred Bones)

Ultime recensioni

Stew - TasteStew
Taste
Fu Manchu - A Look Back Dogtown & Z-BoysFu Manchu
A Look Back Dogtown & Z-Boys
AA.VV. - Ô - A Tribute To Ô PaonAA.VV.
Ô - A Tribute To Ô Paon
Endless Boogie - AdmonitionsEndless Boogie
Admonitions
Cerce - Cowboy MusicCerce
Cowboy Music
Sugar Horse - The Live Long AfterSugar Horse
The Live Long After
Bad Waitress - No TasteBad Waitress
No Taste
Midwife - LuminolMidwife
Luminol
Nolan Potter - Music Is DeadNolan Potter
Music Is Dead
Illuminati Hotties - Let Me Do One More TimeIlluminati Hotties
Let Me Do One More Time
A.A. Williams - Arco EPA.A. Williams
Arco EP
Failure - Wild Type DroidFailure
Wild Type Droid
King Buffalo - AcheronKing Buffalo
Acheron
Papangu - HolocenoPapangu
Holoceno
Moin - Moot!Moin
Moot!
Kulk - We Spare NothingKulk
We Spare Nothing
Kaatayra - InpariquipêKaatayra
Inpariquipê
Indigo Raven - Looking for TranscendenceIndigo Raven
Looking for Transcendence
Elder - & Kadavar - EldovarElder
& Kadavar - Eldovar
Pan Daijing - JadePan Daijing
Jade

Marissa Nadler - The Path Of The Clouds
Autore: Marissa Nadler
Titolo: The Path Of The Clouds
Etichetta: Sacred Bones
Anno: 2021
Produzione: Seth Manchester
Genere: pop / folk / goth

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta The Path Of The Clouds





Marissa Nadler me la immagino in una casa di campagna, da sola, vestita in sottoveste con in mano una chitarra acustica. Un registratore a centro stanza (o magari nella stanza affianco per dare una sensazione ancora più eterea) e la sua voce. Quando vuol fare una pausa accende un antico televisore catodico e si riguarda qualche vecchio film di David Lynch, magari la serie Twin Peaks. E prima di andare a dormire si ascolta un vinile di Joni Mitchell in uno stereo rumoroso.

Da questa mia fantasia Marissa ha realizzato circa una decina di dischi, senza contare EP e collaborazioni. Alcuni di essi sono album di cover, per esempio il recente ed eccellente "Instead Of Dreaming". "The Path Of The Clouds" nasce quando Marissa decide di cambiare il menu di visioni televisive e si concentra su programmi dedicati a crimini. Ne viene fuori l'idea per un album sullo stile di "Murder Ballads" di Nick Cave. E così prende in mano la chitarra e si lancia nella scrittura del disco e chiama a sè l'arpista Mary Lattimore, Simon Raymond, bassista dei Cocteu Twins, Milky Burgess, polistrumentista che ha lavorato di recente alla colonna sonora del film Mandy, e Jesse Chandler, l'insegnante di pianoforte di Marissa e membro di Mercury Rev e Midlake. Appare brevemente anche la collega e amica Emma Ruth Rundle in un assolo di chitarra e Amber Webber dei Black Mountain in un distante coro. A mixare il tutto ci pensa Seth Manchester, già con Lingua Ignota.

Ne vengono fuori 11 brani, decisamente eterei nello stile dark soffuso di Marissa. Forse la ricchezza degli arrangiamenti soffoca il sound solitamente più arioso rendendo l'ascolto un po' faticoso e privo di dinamiche ma è un particolare che non inficia particolarmente la qualità del disco. Se già conoscete Marissa sapete cosa aspettarvi, se invece non siete ancora entrati nel mondo goth-folk della ragazza di Nashville partite da qua e andate a ritroso.

[Dale P.]

Canzoni significative: Storm, And I Dream Of Running.

Questa recensione é stata letta 126 volte!
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Marissa Nadler - & Stephen Brodsky - DroneflowerMarissa Nadler
& Stephen Brodsky - Droneflower

tAXI dRIVER consiglia

Arooj Aftab - Vulture PrinceArooj Aftab
Vulture Prince
Sangre De Muerdago - & Judasz & Nahimana - Cantiga de Folhas e AgulhasSangre De Muerdago
& Judasz & Nahimana - Cantiga de Folhas e Agulhas
Cibelle - The Shine Of Dried Electric LeavesCibelle
The Shine Of Dried Electric Leaves
Lina Rodrigues Refree - Lina_Raül RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_Raül Refree
Kings Of Convenience - Quiet Is The New LoudKings Of Convenience
Quiet Is The New Loud
Yo Yo Mundi - 54Yo Yo Mundi
54