Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Folkesange - Myrkur (Relapse)

Ultime recensioni

AA.VV. - Dirt ReduxAA.VV.
Dirt Redux
Fuzz - IIIFuzz
III
Porridge Radio - Every BadPorridge Radio
Every Bad
Deftones - OhmsDeftones
Ohms
Tallah - MatriphagyTallah
Matriphagy
Exhalants - AtonementsExhalants
Atonements
Lump Hammer - BeastLump Hammer
Beast
Obsidian Kingdom - Meat MachineObsidian Kingdom
Meat Machine
Gargoyl - GargoylGargoyl
Gargoyl
Anna Von Hausswolff - All Thoughts FlyAnna Von Hausswolff
All Thoughts Fly
Blues Pills - Holy Moly!Blues Pills
Holy Moly!
Sprain - As Lost Through CollisionSprain
As Lost Through Collision
Thurston Moore - By The FireThurston Moore
By The Fire
Idles - Ultra MonoIdles
Ultra Mono
Sarah Davachi - Cantus, DescantSarah Davachi
Cantus, Descant
AA.VV. - What Is This That Stands Before Me?AA.VV.
What Is This That Stands Before Me?
Deafbrick - DeafbrickDeafbrick
Deafbrick
Irreversible Entanglements - Who Sent You?Irreversible Entanglements
Who Sent You?
Jeff Parker - Suite For Max BrownJeff Parker
Suite For Max Brown
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome

Myrkur - Folkesange
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Relapse
Anno: 2020
Produzione: Christopher Juul
Genere: pop / folk /
Scheda autore: Myrkur



Amalie Bruun è una ragazza che se ne sbatte delle regole. Ha iniziato la carriera come cantante pop per poi militare negli Ex Cops e i Minks con cui ha fatto una manciata di dischi con un discreto successo in patria (Danimarca). Nel 2014 cambia "gimmick" e si presenta come Myrkur nella scuderia Relapse con lavori a cavallo fra il black metal e il folk, ultra criticati dalla frangia più conservatrice del genere. Nel 2016 pubblica "Mausoleum" con un coro di voci bianche e inizia a pubblicare su Youtube video in cui suona canzoni folk nordiche con strumenti inusuali. Ma il black metal è ancora ben presente nel secondo disco "Mareridt".

Il genere viene completamente abbandonato con il nuovo disco "Folkesange" dove, come si può intuire dal titolo, a fare da padrone è il folk. Che, come dicono i Bachi Da Pietra "Black Metal il mio folk", ma forse intendevano il contrario. O come i Witchcraft che hanno appena pubblicato un disco alla Nick Drake intitolandolo "Black Metal". Ma ci sono tantissimi esempi di contaminazioni fra i due generi, anche se spesso in chiave da partito "conservatore".

Dato che oltre che molto brava Amalie è anche molto odiata (troppo bella, troppo tecnica, troppo tutto) in "Folkensange" prende una direzione che ricorda quella di Enya, quindi molto vicino a certa new age e quindi ancora più lontana da certo pubblico. Scelta che le allontanerà ulteriormente parte dei metallari (con sua somma gioia) e che potrà aprire delle porte in case che non hanno mai avuto un disco Relapse. Magari proprio quella dei fan delle sue precedenti band o qualche stravagante freakettone.

"Folkesange" è un disco curioso che conferma il talento assoluto di Myrkur ma a cui speriamo farà seguito un ritorno alle sonorità heavy. O qualche nuova, imprevedibile, mossa.

[Dale P.]

Canzoni significative: House Carpenter, Leaves of Yggdrasil.


Questa recensione é stata letta 177 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Lina Rodrigues Refree - Lina_Raül RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_Raül Refree
Cibelle - The Shine Of Dried Electric LeavesCibelle
The Shine Of Dried Electric Leaves
Yo Yo Mundi - 54Yo Yo Mundi
54
Kings Of Convenience - Quiet Is The New LoudKings Of Convenience
Quiet Is The New Loud