Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Prairie Wind - Neil Young (Reprise)

Ultime recensioni

Kirk Windstein - Dream In MotionKirk Windstein
Dream In Motion
Konvent - Puritan MasochismKonvent
Puritan Masochism
Calibro 35 - MomentumCalibro 35
Momentum
Sons - Family DinnerSons
Family Dinner
Shock Narcotic - I Have Seen The Future And It DoesnShock Narcotic
I Have Seen The Future And It Doesn't Work
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code

Neil Young - Prairie Wind
Voto:
Anno: 2005
Produzione:
Genere: rock / pop / classic rock
Scheda autore: Neil Young



Se Neil Young avesse fondato la sua carriera su dischi come Prairie Wind non sarebbe certo quello che è. La sua trasversalità lo rende superiore e influente ancora oggi, a distanza di decenni. Non passa giorno che qualcuno non ne decanti le lodi confessando di esserne stato notevolemente influenzato.

Dal pop, al folk, dal punk al grunge, dal country all'indie rock non esiste genere di musica che non veda Neil Young con rispetto.

Merito del suo stare ai margini, nel preferire far parlare la musica più che la sua faccia.

Purtroppo questo disco, al contrario del precedente Greendale così emozionante nella sua fragilità, è un grosso passo falso. Suona come una moneta falsa. Neil vuole riprendere le sonorità di Harvest e Harvest Moon ma esagera nella produzione, nel suo calligrafismo, nel suo cercare di suonare orecchiabile.

Chitarre slide sempre al posto giusto, cori perfettamente armonizzati, chitarre limpidissime. Leggi: estrema noia. Certo, la voce di Neil sa ancora incantare ma qui suona quasi ruffiana.

Questo disco suona esattamente come un disco dei molteplici imitatori. Come un disco dei Creed rispetto a quello dei Pearl Jam, dei Puddle Of Mudd rispetto ai Nirvana. Può piacere, certo, ma non è quello che ci si aspetta da un grande.

[Dale P.]

Canzoni significative: No Wonder.

Questa recensione é stata letta 2901 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Neil Young - GreendaleNeil Young
Greendale
Neil Young - HarvestNeil Young
Harvest
Neil Young - MirrorballNeil Young
Mirrorball
Neil Young - WeldNeil Young
Weld

tAXI dRIVER consiglia

Oasis - Don t Believe The TruthOasis
Don t Believe The Truth
Nick Cave - Murder BalladsNick Cave
Murder Ballads
Massimo Bubola - Niente Passa InvanoMassimo Bubola
Niente Passa Invano
 Elio E Le Storie Tese
Cicciput
Jeff Buckley - Live AlJeff Buckley
Live Al'Olympia
Nick Cave - No More Shall We PartNick Cave
No More Shall We Part
PGR - Per Grazia RicevutaPGR
Per Grazia Ricevuta
Joe Strummer - StreetcoreJoe Strummer
Streetcore
Paul McCartney - Chaos And Creation In The Back YardPaul McCartney
Chaos And Creation In The Back Yard
Velvet Underground - White Light White HeatVelvet Underground
White Light White Heat