Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner post-metal post-hardcore metal [ grunge ] rock alternative

Try To Understand - No Code (Autoproduzione)


No Code - Try To Understand
grunge / post /

Voto:
Voto utenti (227):

Produzione:
Anno: 2005




Il nome "No Code" palesa un evidente tributo ad uno dei migliori album dei Pearl Jam. Senz'altro il più particolare, ricco di suggestioni etniche e acustiche. Proprio queste ultime paiono le influenze di Filippo Iemma, calato sia nella parte di Eddie Vedder che quelle di Stone Gossard.

Attenzione! Questa non è una cover band dei Pearl Jam (esiste e ha lo stesso nome) ma un delicato tributo ad un suono che dopo la fine del trend non è stato più replicato in maniera credibile. "Try To Understand" risulta influenzato anche dal materiale più soft degli Alice In Chains oltre ad un inevitabile, e certamente involuto, riferimento alla canzone d'autore italiana.

Le sette canzoni sospese fra il depresso e il bucolico, mostrano una discreta padronanza della materia, ma soprattutto amore verso sonorità che sguazzano nella tristezza e nella solitudine. Nelle fredde e piovose giornate invernali potrebbe essere la coperta che cercavate...

Un packaging estremamente curato (una via di mezzo fra quello di No Code, appunto, e Yield) e un'ottima registrazione sigillano il tutto.

[Maso]

Canzoni significative: Without Saying Anything, Untitled, Your Choice .

Vota Questo Disco:
Condividi


Questa recensione é stata letta 3003 volte!



tAXI dRIVER consiglia

 All The Shit's Hole
Mr.Sickness'Whisper
Sunna - One Minute ScienceSunna
One Minute Science
Godsmack - AwakeGodsmack
Awake
Default - The FalloutDefault
The Fallout
Lingua - The Smell Of A Life That Could Have BeenLingua
The Smell Of A Life That Could Have Been