Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Jerry Cantrell - Brighten (Double J)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Jerry Cantrell - Brighten
Autore: Jerry Cantrell
Titolo: Brighten
Anno: 2021
Produzione: Tyler Bates
Genere: rock / grunge / folk

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Tanti ascoltatori di "grunge" vorrebbero dai grandi vecchi (rimasti) dischi onesti che non strizzino l'occhio a influenze rock da stadio, punk di quart'ordine e pop becero. Purtroppo ci cadde il compianto Chris Cornell (mentre tutti avrebbero goduto ad ascoltare una svolta acustica di qualità) e ci cade Eddie Vedder, con musica a volte splendida ma molto più spesso banalmente zuccherosa. Eppure il grunge ha dimostrato di poter continuare a vivere tramite dischi "acustici": gli Unplugged (di Pearl Jam, Nirvana, Alice In Chains) sono lì a dimostrarlo, oppure dischi giganteschi come "No Code" e "Jar Of Flies".

Jerry Cantrell, aiutato da una backing band di qualità (Greg Puciato e Gil Sharone dei Dillinger Escape Plan, Duff McKagan e altri ottimi musicisti), dimostra che il grunge può essere un genere classic rock pur non perdendo quella malinconia devastante che lo rappresenta. Cosa distingue "Brighten" da un "normale" disco degli ultimi Alice In Chains? Jerry non è obbligato a suonare come la sua band principale e può esplorare sonorità meno "metallare" (vedi il palese tributo ai Creedence di "Dismembered") con arrangiamenti più ricchi (pianoforte e una bella messa di strumenti acustici). E' questa la sostanziale differenza con Boggy Depot e Degradation Trip che, nati quando gli Alice in Chains erano in pausa, non suonavano tanto diversi dalla band madre.

Personalmente gradisco di più Jerry libero di spaziare e dimostrare il proprio talento a 360 gradi più che bloccato nel cosplay degli Alice In Chains (per quanto valido). 9 bellissime canzoni, tra cui la finale "Goodbye" cover di Elton John: 40 minuti di ottimo rock che faranno la gioia sia dei grunger che degli appassionati di musica ancora più datata.

[Dale P.]

Canzoni significative: Siren Song, Brighten.

Questa recensione é stata letta 475 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Jerry Cantrell - Degradation TripJerry Cantrell
Degradation Trip

tAXI dRIVER consiglia

Neil Young - MirrorballNeil Young
Mirrorball
Pearl Jam - TenPearl Jam
Ten
Jerry Cantrell - Degradation TripJerry Cantrell
Degradation Trip
Mudhoney - MudhoneyMudhoney
Mudhoney
Soundgarden - Screaming LifeSoundgarden
Screaming Life
AA.VV. - Sub Pop 200AA.VV.
Sub Pop 200
Green River - Dry As A Bone/Rehab DollGreen River
Dry As A Bone/Rehab Doll
Black Label Society - Hangover Music Vol.VIBlack Label Society
Hangover Music Vol.VI
Pearl Jam - VsPearl Jam
Vs
Cold - 13 Ways To Bleed On StageCold
13 Ways To Bleed On Stage