Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal [ punk ] indie experimental pop elettronica

7 Inch Of The Month Club - Nofx (Fat Wreck Chords)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Nofx - 7 Inch Of The Month Club
Voto:
Etichetta: Fat Wreck Chords
Anno: 2005
Produzione:
Genere: punk / hardcore melodico /
Scheda autore: Nofx



Mi ritrovo dunque qui a parlarvi di NOFX dopo aver scritto sulla loro attesissima esibizione del Settembre scorso all’ Idroscalo di Milano.

Per chi non lo sapesse, il gruppo di Fat Mike ha deciso di far uscire un Ep ogni mese (12 in totale, l’ultimo nel Gennaio 2006) al posto di un album vero e proprio (atteso per il 2006). Una formula originale e ambiziosa in un certo senso.

La collana “7 inch of the month Club” è stata inaugurata nel mese di Febbraio e circa ogni trenta giorni i fans dei NOFX hanno tra le mani nuovi pezzi della band californiana. Si è costituito un Club per l’occasione e al link http://www.nofxofficialwebsite.com/7inchclub/ potrete trovare tutte le informazioni in merito (oltrettutto c’è la possibilità di disegnare la copertina di ogni 7”, infatti ogni mese i 4 ne selezionano una pervenutagli dai loro fans).

Nel complesso le canzoni di queste 8 uscite possono apparire disarticolate e questo è in un certo senso anche ovvio (e il rovescio della medaglia di un progetto di questo tipo). Tuttavia io ho trovato diversi ottimi spunti. Certo, bisogna tener conto di una cosa: i NOFX fanno musica punk da più di 20 anni. Molte formazioni del genere (ad esempio gli autorevolissimi Pennywise) hanno detto tutto con due o tre dischi fotocopia; i NOFX nel corso della loro lunga e gloriosa carriera hanno rivisitato (e modernizzato) la musica Punk e con il loro stile peculiare hanno influenzato una marea di gruppi del settore.

Dopo questa dovuta introduzione, passiamo agli ep.

La maggior parte delle sonorità attinge da lavori già pubblicati (in particolare, diversi episodi potrebbero integrarsi bene nelle architetture di album come “Pump up the valum”, “So long and thanks for all the shoes” e “The War on errorism”), in ogni caso i suddetti pezzi sanno comunque di “nuovo” e sono molto belli. C’è anche una canzone “There’s no fun in fundamentalism” che era già presente nella tracklist dell’ ultimo “Punk o Rama (Vol.10)” (Epitaph, 2005). Questo pezzo dal retrogusto “Oi”, venne suonato inoltre dal vivo all’ Idroscalo.

Il mio ep preferito è sicuramente quello di Settembre, anche se tutti gli altri sono molto validi (soprattutto Aprile, Giugno e Luglio) . Il vero capolavoro della band ,secondo il sottoscritto, è una brano intitolato “California uber Alice”, un suggestivo compromesso tra due generi apparentemente antitetici: punk e world music. Un pezzo così non avrebbe sfigurato nell’ immenso “So Long and Thanks for all the shoes” (Epitaph, 1997).

I pezzi migliori (uno per Ep): “Insulted by Germans” (Febbraio), “Arming the proletariat with potato guns” (Marzo), “There’s no fun in fundamentalist” (Aprile), “Jamaica is allright if you like homophobes” (Maggio), “Gettin’ high on the down low” (Giugno), “Benny got blowed up-lit” (Luglio), “One way ticket to fuckneckville” (Agosto) e “California Uber Alice” (Settembre).

In conclusione quindi, vi consiglio vivamente questi 7” (a prescindere da quanto tempo seguite i NOFX) perché ci sono delle grandi idee. Le canzoni non hanno tradito le mie aspettative e per tanto non mi resta che aspettare impaziente i rimanenti 4 Ep firmati da quella che molto probabilmente è la più grande punk band della nostra generazione.

[Tommy Gun]

Canzoni significative: California Uber Alice, There's No Fun In Fundamentalist.

Questa recensione é stata letta 15344 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Nofx - Pump Up The ValiuumNofx
Pump Up The Valiuum
Nofx - Wolves In Wolves‘ ClothingNofx
Wolves In Wolves‘ Clothing

Live Reports

05/09/2005MilanoRock In Idro

tAXI dRIVER consiglia

NoFx / Rancid - Split Series Vol.3NoFx / Rancid
Split Series Vol.3
Nofx - 7 Inch Of The Month ClubNofx
7 Inch Of The Month Club
Nofx - Pump Up The ValiuumNofx
Pump Up The Valiuum
Me First & The Gimme Gimmes - Blow In The WindMe First & The Gimme Gimmes
Blow In The Wind
All - Live Plus OneAll
Live Plus One